Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

L'intestino pigro dipende da cosa si mangia?

pubblicato il 19-12-2017
aggiornato il 10-01-2018

In parte sì, motivo per cui oltre i 65 anni occorre consumare alimenti ricchi di fibre e fermenti lattici e bere molta acqua. I consigli nel nostro quaderno dedicato alla terza età

L'intestino pigro dipende da cosa si mangia?

Sì, almeno in parte. Dal punto di vista dell’alimentazione è importante
tenere alta la quota delle fibre che si introducono e la quantità di acqua
che si beve, fondamentale per favorire il transito delle feci. Le fibre sono contenute in particolare negli alimenti vegetali: frutta, verdura, legumi, cereali integrali. Anche gli alimenti ricchi di fermenti lattici, come lo yogurt, sono di aiuto all’intestino perché ripristinano la flora batterica.


Oltre a questi due motivi primari, l’intestino tende a diventare più pigro
con l’età anche perché molte persone anziane riducono l’attività fisica,
soprattutto durante i mesi invernali. Le persone più attive soffrono molto meno di stitichezza, a qualsiasi età. Anche lo stress, l’ansia o la paura possono favorire la stitichezza: in questo caso è bene rivolgersi al medico di fiducia per valutare le cause e individuare la migliore soluzione.
 

Per saperne di più sulla dieta per la terza età, iscriviti al sito
e scarica gratuitamente il quaderno


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza