NSBH_logo_2015_rgb.pngCi sono almeno sei milioni di buone ragioni per continuare a parlare di fumo, tante quante sono ogni anno nel mondo, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le vittime dell’epidemia di tabagismo.

Il progetto di lotta contro il fumo di sigaretta di Fondazione Umberto Veronesi No Smoking Be Happy, attivo sul territorio nazionale dal 2008, si articola in attività educative e campagne di comunicazione per sensibilizzare non solo sui danni provocati dal fumo, ma anche sui benefici del non fumare. 

Quando accendiamo una sigaretta, il corpo viene stimolato dalla nicotina, provocando una sensazione che procura piacere immediato, ma gravissimi danni nel tempo: instaura il meccanismo delle dipendenza, che ci porta a reiterare il comportamento del fumare. 

In Italia ci sono 11 milioni di fumatori, che equivale al 21% della popolazione. Gli uomini sono 6,3 milioni, le donne 4,6 milioni. Il dato allarmante è che l’Italia è uno dei paesi europei in cui il fumo al femminile è in costante crescita.

 

Fabio Volo per No Smoking Be Happy

No Smoking Be Happy

Un progetto dedicato ai giovani e non solo. Una campagna di comunicazione per la lotta contro il fumo di sigaretta articolata in numerose attività, a cura della Fondazione Umberto Veronesi. 

Il video ufficiale di No Smoking be Happy

Cosa si nasconde dietro la produzione di sigarette?

 

In questa videoclip Rocco Rorandelli, fotografo documentarista italiano, documenta le condizioni a cui risultano sottoposti i coltivatori di tabacco. È la riprova di come il fumo di sigaretta non faccia soltanto male alla salute dell'uomo, ma anche all'ambiente. 

 

Da cosa è composta una sigaretta?