Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora

Oncologia

I tool della salute

I ricercatori della Fondazione Veronesi
2016

Newsletter



Guida agli esami

Autopalpazione del testicolo

I tumori del testicolo, anche se rari, rappresentano una delle prime cause di mortalità per patologia neoplastica nei maschi giovani. I gruppi di età con incidenza maggiore vanno dalla nascita a 10 anni, fra i 20 e i 40 anni e oltre i 60 anni. Un rigonfiamento o un nodulo indolore da un solo lato, riscontrato dal paziente o dal suo partner è il segno o sintomo più frequente. Sicuramente, per individuare precocemente la presenza di un tumore nel testicolo, due sono le manovre essenziali: la palpazione del testicolo da parte di un medico e l’autoesame eseguito dallo stesso paziente. Infatti é importante che gli uomini abbiano più cura e coscienza del proprio corpo. E l’autoesame sa indirizzarli verso un riconoscimento tempestivo della lesione testicolare. Individuazione precoce che sa modificare l’intero corso della malattia. Il “tocco” della prevenzione? Ecco le raccomandazioni del National Cancer Institute statunitense per l’autopalpazione, momento che andrebbe affrontato dopo una doccia o un bagno caldo, quando i tessuti della borsa scrotale sono rilassati. COME SI SVOLGE? Innanzitutto bisogna porsi dinanzi a uno specchio, per cogliere anche con l’occhio la presenza di tumefazioni sospette.Ogni testicolo va apprezzato con entrambe le mani: dita indice e medio nella zona inferiore e pollice che palpa l’area superiore. Il movimento esploratore dev’essere rotatorio, delicato: non bisogna avvertire alcun dolore. Il polo superiore e posteriore del testicolo è sormontato da una morbida struttura granulosa:è l’epididimo, un tubulo aggrovigliato che rappresenta la prima sezione del dotto preposto a trasportare il liquido seminale. A un tatto inesperto, potrebbe essere scambiato per una massa sospetta. Nessun timore! Rigonfiamenti duri del testicolo, una perdita di volume, una sensazione di pesantezza nello scroto… Riscontri che devono spingere a chiedere subito il parere del proprio medico di famiglia e, se è il caso, di uno specialista. Le masse che possono muoversi liberamente nella borsa scrotale, non collegate ad alcuna struttura interna, non sono in genere di natura maligna. NOTA BENE: le informazioni in questa pagina non possono sostituire il parere e le spiegazioni del tuo medico

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video