Chiudi

Oscar, il gatto custode

Un placido gattone, vecchietti smemorati e amorevoli presenze che i bipedi non riescono a vedere. Da una storia vera. Di Chiara Segré

Oscar, il gatto custode

Ci sono un placido gattone, una casa di riposo con un grande parco, dei vecchietti smemorati e delle infermiere gentili. Ci sono dei passi silenziosi in vecchie pantofole, ci sono notti di temporale in cui il passato ritorna, ci sono amorevoli presenze nelle stanze che i bipedi sembrano proprio non vedere. Si sorride e ci si commuove con le storie di Villa Speranza, del signor Malatesta, della signora Lisa e dell'infermiera Dolores.

Con “Oscar, il gatto custode”, Chiara Valentina Segré propone con garbo e simpatia una vicenda che avvince i più piccoli e emoziona i più grandi. E con il tratto intenso di Paolo Domeniconi, dimostra ancora una volta che per raccontare i grandi temi della vita ci vuole il linguaggio spudoratamente semplice dei bambini. O degli animali.

Si può parlare di vecchiaia, di declino mentale e di morte ai bambini? Sì, purchè lo si sappia fare con la grazia e l'onestà che è loro propria. Un bambino non teme di pronunciare la parola “vecchio” al posto della più diplomatica “anziano” o “in là con gli anni”. Un bambino “vede” la vecchiaia e la morte e proprio per questo è capace di accettarle per ciò che sono.

La storia di Oscar prende spunto da quella, ormai celebre soprattutto negli Stati Uniti, descritta in un articolo apparso nel 2007 sul New England Journal of Medicine, scritto da una gerontologa che riportava gli straordinari accadimenti di cui i medici erano stati testimoni presso la Steere House Nursing Centre di Providence, Rhodes Island. In quella residenza per anziani un gatto da anni riconosceva il momento in cui uno dei pazienti era prossimo alla morte, in quel momento gli si avvicinava e gli restava accanto. In modo infallibile, e da quando era un cucciolo. Si calcola che abbia tenuto così compagnia almeno a un centinaio di persone.

Il libro di Chiara Segré riprende il personaggio di Oscar e lo colloca in un contesto illuminato dalle luci del crepuscolo e dalle storie di nonni a cui tutti vorremmo bene. Il suo Oscar vi accompagnerà facendo le fusa fino alle radici più profonde della nostra esistenza. E probabilmente sarete meravigliati della serenità con cui chiuderete l'ultima pagina.

Donatella Barus
@donatellabarus 

Chiara Valentina Segré

OSCAR, IL GATTO CUSTODE

Carmelo Zampa editore, Salani Editore, 36 pagine, 14 euro



Commenti (0)