Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

In quali casi si procede al prelievo d'organi?

pubblicato il 04-04-2017
aggiornato il 26-06-2017

Ictus, emorragia cerebrale ed arresto cardiaco sono tutte situazioni dove è potenzialmente possibile procedere al prelievo di organi

In quali casi si procede al prelievo d'organi?

PER TROVARE RISPOSTA AI TUOI QUESITI, REGISTRATI AL SITO E COMPILA L'APPOSITO FORM. CLICCA QUI

Quando si può procedere al prelievo degli organi? La morte cerebrale è stabilita ai sensi della legge 578 del 1993 e del decreto del ministero della Sanità 582 del 1994. Tutte le procedure necessarie sono spiegate nel video che segue, girato con Marinella Zanierato responsabile della struttura di rianimazione in ambito di donazioni e trapianti del policlinico San Matteo di Pavia. 

IN QUALI CASI PUO' AVVENIRE IL TRAPIANTO DEGLI ORGANI?

 


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza