Chiudi

Il gruppo come metodologia di lavoro

Lavorare in gruppo può cambiare (in meglio) la cura dei malati

Il gruppo come metodologia di lavoro

Se in una azienda il lavoro di gruppo è visto come un processo orientato alla realizzazione di un prodotto finale che dà profitto, qui il profitto è il bene del paziente e/o della collettività. Il lavoro di gruppo non è solo prerogativa del mondo industriale o manageriale, ma è metodologia per risolvere in modo interattivo i vari problemi della salute. Siano questi del paziente o della struttura.

Lavorare in gruppo significa riconoscere l’altro come portatore di novità in base alla sua formazione, esperienza e capacità. Il Gruppo è una “pluralità di integrazioni” che generano coesione, che fa condividere regole e fa emergere consonanze, con la consapevolezza di fugare dubbi e incertezze e per costruire atteggiamenti positivi nei riguardi del malato. Il suo sviluppo determina la crescita sia a livello individuale che collettivo e la combinazione di opinioni, atteggiamenti e percezioni dei singoli raggiungono una sintesi e diventano unità globale.

Per entrare in questa logica è necessario un cambiamento di mentalità in cui il capo è un primus inter pares, un coordinatore che promuove e vede il contributo di chi gli sta attorno come paritetico e degno di considerazione. Nel gruppo quindi non solo medici e infermieri ma anche volontari e, là dove esistano, tutte le altre figure sanitarie che ruotano attorno al malato.



Commenti (0)