Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Alimentazione

30 grammi di frutta secca al giorno allungano la vita?

pubblicato il 29-11-2013
aggiornato il 11-07-2017

Uno studio durato trent’anni suggerisce i benefici di questi frutti: minor rischio di diabete, di tumore, di problemi cardiaci

30 grammi di frutta secca al giorno allungano la vita?

Noci, mandorle, nocciole, arachidi, pinoli, anacardi. Se ne mangiamo un pugno al giorno, staremo meglio e vivremo più a lungo. E’ il risultato di uno studio Usa pubblicato on line dal New England Journal of Medicine, a conclusione di un’osservazione di lungo periodo (ben trent’anni!) su due delle più grandi coorti americane, la Nurses’Health Study (76.464 donne, reclutate tra le infermiere) e la Health Professionals Follow-up Study , 42.498 uomini, selezionati tra lavoratori professionali.

Insomma, le famose peanuts non sono più soltanto uno sfizio e uno stracca-denti, né tanto meno un’inezia, come dice il loro secondo significato. Anzi, da anni bandite (non sempre a ragione) dai regimi dimagranti, ritrovano una loro rispettabilità dietetica, insieme con gli altri frutti secchi a guscio, di natura oleoginosa. 

COMPOSIZIONE

La composizione nutrizionale dei frutti oleoginosi spiega largamente questi benefici. Con un elevato tenore di grassi insaturi, di proteine di alta qualità, di fibre, di vitamine (folati, niacina, vitamina E), di minerali (potassio, calcio, magnesio) e di fitocomposti, cioè metaboliti secondari presenti nelle piante (carotenoidi, flavonoidi, fitosteroli), gli si fa ormai credito di proprietà cardioprotettive, anticancerogene, antinfiammatorie e antiossidanti. E’ stato perciò osservato che la consumazione di questa frutta secca è associata a un minore  rischio di diabete di tipo 2, di cancro del colon, d’ipertensione, e della «sindrome metabolica», molto pericolosa per il sistema cardiovascolare, che vede  presenti nell’individuo vari fattori di rischio contemporaneamente.

Il New England Journal of Medicine  aveva già pubblicato, a febbraio di quest’anno, uno studio spagnolo in cui la frutta secca  condivideva con l’olio di oliva il podio d’onore. Ora questo grande studio conferma la notizia. Possiamo spilluzzicare senza rimorsi mandorle o noccioline all’ora dell’aperitivo, tenendo d’occhio un fatto: un consumo quotidiano di 30 grammi di frutta secca può contribuire ad allungare la vita. Dicono gli autori dello studio: «Il beneficio più evidente è la diminuzione del 29 per cento della mortalità cardiovascolare, seguito da una riduzione dell’11 per cento della mortalità per cancro.»  Essendo lo studio di carattere osservazionale, non è possibile sancire un nesso causa/effetto, ma i risultati hanno pienamente convinto sia la Food and Drug Administration sia l’American Heart Association , la società scientifica dei cardiologi americani. 

 


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video