Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Ginecologia

Mal di testa in gravidanza, possibile spia della gestosi

pubblicato il 14-10-2015
aggiornato il 23-02-2017

Le cefalee persistenti e ricorrenti, specie se associate a ipertensione, possono essere il segnale di un problema più grave, la preeclampsia

Mal di testa in gravidanza, possibile spia della gestosi

Mal di testa e gravidanza, un binomio non infrequente ma non per questo da sottovalutare. Attacchi acuti di emicrania e capogiri possono essere una costante in chi ne soffre da tempo, ma anche la "spia" di alcune complicanze in grado di condizionare il buon esito di una gestazione. Ecco perché distinguere la cronicità dall'unicità del malessere può fare la differenza. 

 

Il dosaggio dell'acido urico può prevedere il rischio di gestosi?

 

GESTOSI: DI COSA SI TRATTA?

Il mal di testa in gravidanza è una condizione abbastanza comune, ma se abbinato a un aumento dei livelli di pressione sanguigna è il caso di affrontarlo con particolare attenzione. In casi simili, infatti, il dolore potrebbe essere la conseguenza di una forma di preeclampsia (o gestosi), una condizione più frequente durante gli ultimi due trimestri della gravidanza, caratterizzata dall'aumento della pressione arteriosa (oltre 90 per la minima e 140 per la massima). Le conseguenze della malattia possono essere anche molto gravi: ritardo di crescita intrauterino, morte del feto, aumento della frequenza del parto prematuro. Tra i sintomi vanno annoverati il dolore addominale e l'offuscamento della vista. Ma siccome non sempre la preeclampsia si manifesta in maniera esplicita, il mal di testa durante la seconda parte di una gravidanza non andrebbe mai sottovalutato. 

 Meno nati prematuri grazie alle leggi antifumo 

 

ABBINAMENTO DA NON TRASCURARE

A questa conclusione sono giunti alcuni ricercatori statunitensi - Montefiore Health System and Albert Einstein College of Medicine della Yeshiva University - in uno studio pubblicato sulla rivista Neurology. Gli scienziati hanno analizzato le cartelle cliniche delle donne incinte - 140, con una età media di 29 anni - che, in un periodo di cinque anni, si erano rivolte al Weiler Hospital per trovare conforto ai propri mal di testa. La maggior parte di esse (91) si trovavano di fronte a questa condizione per la prima volta, mentre la restante quota (49) aveva già manifestato in passato sintomi simili e più della metà risultava avere anche la pressione alta, considerata l'indicatore principale della gestosi.

L'abbinamento tra l'ipertensione e il mal di testa è stato ritenuto un effetto della condizione patologica per nulla rara durante la gravidanza (l'incidenza viene stimata tra il 10% e il 20% nelle primipare). Si legge nel lavoro: «Il nostro studio suggerisce che lo specialista dovrebbe porre particolare attenzione quando una donna incinta gli si presenta di fronte con un mal di testa severo, specialmente se recidiva o se in presenza di valori elevati della pressione sanguigna. Il rischio è quello di trovarsi di fronte a una gravidanza complicata e di sottovalutare i rischi a essa correlati». 


@fabioditodaro

Fabio Di Todaro
Fabio Di Todaro

Giornalista professionista, lavora come redattore per la Fondazione Umberto Veronesi dal 2013. Laureato all’Università Statale di Milano in scienze biologiche, con indirizzo biologia della nutrizione, è in possesso di un master in giornalismo a stampa, radiotelevisivo e multimediale (Università Cattolica). Messe alle spalle alcune esperienze radiotelevisive, attualmente collabora anche con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video