Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
I nostri ricercatori

Studio come recuperare dopo un aneurisma

pubblicato il 13-10-2014
aggiornato il 06-02-2017

Susanna Bacigaluppi, ricercatrice e neurochirurgo, cerca possibili soluzioni contro il danno ischemico dovuto a rotture di arterie cerebrali

Studio come recuperare dopo un aneurisma

Non è facile trovare professionisti della scienza come Susanna: medico-chirurgo e ricercatrice, a soli 38 anni ha all’attivo ben venti pubblicazioni scientifiche nel campo delle neuroscienze e della neurochirurgia vascolare.

 

MEDICO RICERCATORE

Susanna si è laureata in medicina e chirurgia all’Università di Milano con una tesi sulla terapia genica del glioblastoma, un tumore del cervello molto aggressivo. Durante la specializzazione in neurochirurgia, svolta tra il Policlinico e l’ospedale Niguarda Ca’ Granda di Milano, si è invece occupata di aneurismi intracranici, sviluppando Aneurisk, un progetto di valutazione del rischio di formazione e rottura degli aneurismi ideato da lei stessa. Dopo la specializzazione, ha conseguito anche un dottorato di ricerca in neuroscienze all’Università Bicocca di MIlano. «Mi interessano molto gli aspetti molecolari e cellulari delle malattie». Susanna infatti coltiva con successo l’attività di ricerca di base accanto al lavoro da chirurgo. All’Ospedale San Martino di Genova, si divide tra il laboratorio di neuroimmunobiologia, e la clinica neurochirurgica.

 

CONTRO I DANNI DELL’ISCHEMIA CEREBRALE

A Genova Susanna conduce una ricerca all’avanguardia nell’ambito delle neuroscienze. In particolare si occupa di danno ischemico in conseguenza a rotture di aneurismi intracranici ed emorragie. «Quando un aneurisma intracranico si rompe, si verifica un’emorragia, chiamata subaracnoidea», spiega Susanna. «Al di là del danno acuto, le conseguenze possono includere l’infiammazione, contrazione dei vasi sanguigni (vasospasmo) e danno cerebrale ischemico.

Sono eventi gravissimi che minacciano la sopravvivenza del paziente».  La rottura di aneurisma intracranico si associa ad una mortalità globale che può raggiungere il 35%, mentre tra chi sopravvive il 10-35% subisce un peggioramento nella qualità di vita secondario a danni neurologici. I trattamenti disponibili sono spesso insufficienti per prevenire efficacemente e contrastare il vasospasmo nonché l’ischemia tardiva.

Come trovare terapie più efficaci? La risposta che sta cercando Susanna risiede in un tipo particolare di cellule, i progenitori endoteliali circolanti. «Questi progenitori hanno alcune proprietà di cellule staminali e danno origine alle cellule endoteliali che formano i vasi sanguigni. Hanno anche effetto antiinfiammatorio, antiossidante e modulatore della risposta immunitaria, che può agire come fattore di protezione vascolare».

È possibile che i pazienti che non sviluppano vasospasmo o che hanno un decorso clinico più favorevole “mobilizzino” un numero più alto di questi progenitori? «È proprio quello che stiamo cercando di capire: se così fosse, si potrebbero usare dei farmaci, per mobilizzare queste cellule protettive dal midollo osseo nel circolo sanguigno, e migliorare il decorso della patologia, ma la strada è ancora lunga». Un approccio innovativo, che mira a potenziare un meccanismo di protezione fisiologico studiato dal confronto tra i pazienti con decorso favorevole e quelli che invece, a parità di trattamento, sviluppano queste complicanze.

OGNI GIORNO DIVERSO DALL’ALTRO

Non esiste una vera e propria “giornata-tipo” nel lavoro di Susanna «Occupandomi di una patologia acuta il paziente può presentarsi in qualunque giorno e a qualunque ora. Bisogna essere sempre pronti». Per questo, ogni giorno è sempre diverso dal precedente e va riprogrammato ora per ora, in base a ciò che accade in clinica. «Al paziente che giunge in pronto soccorso con emorragia subaracnoidea, dopo la fase diagnostica e di stabilizzazione clinica, spieghiamo in parole semplici di cosa si tratta, come prevediamo di curarlo.

Previo consenso informato viene prelevato un campione di sangue aggiuntivo durante i prelievi di routine. Su questi campioni viene eseguita la conta dei diversi sottotipi di cellule infiammatorie e dei progenitori endoteliali, tramite la tecnica della citofluorimetria che permette di rilevare anche tipi di cellule molto rare. Inoltre conserviamo piccoli campioni di siero e di sangue intero per future analisi biochimiche e un campione di sangue per le analisi genetiche. Ciascun valore misurato sperimentalmente viene poi associato ai dati sul decorso clinico del paziente. Sino ad oggi abbiamo ottenuto una partecipazione del 100%, una bellissima collaborazione tra i pazienti e le loro famiglie e il mondo della ricerca».

 

AMORE PER L’ITALIA

Prima di approdare a Genova, Susanna ha girato diverse città in Italia, ma ha visitato anche varie neurochirurgie Europee e non e ha svolto anche una fellowship di neurochirurgia vascolare in Canada presso il dipartimento di neurochirurgia del Toronto Western Hospital. «Ho sempre avuto la curiosità di vedere da vicino altri metodi didattici e di organizzazione; di respirare ambienti diversi e imparare da nuovi approcci a un problema».

Esperienza e conoscenza che Susanna ha deciso di mettere a frutto in Italia, dove è convinta che ci siano potenzialità enormi in ambito medico e scientifico. «Spesso, quando ero all’estero, mi capitava di vedere in sala operatoria tecnologie presentate come all’avanguardia, ma che io avevo già visto in Italia». Lavorare in Italia richiede un grande sforzo aggiuntivo: stipendi- se ci sono- più bassi che all’estero, fondi disponibili spesso carenti, spreco di forze ed energie per superare ostacoli burocratici, carriere meno sicure più lente. Per Susanna però si tratta di un impegno con il proprio paese e di una dichiarazione di fiducia che vi sarà sicuramente un miglioramento. «Ognuno nel suo piccolo contribuisce alla costruzione e alla ripresa del proprio paese».

 

INNAMORATA DEL SUO LAVORO

Susanna coltiva numerosi hobby; dallo sport alla musica (suona il pianoforte), dal giardinaggio al disegno e nonostante i sacrifici che il suo lavoro comporta, sottolinea con gioia  «di essere fortunata a potersi occupare di cose in cui crede e che davvero le interessano». Quando non è impegnata con l’attività clinica o di ricerca Susanna ama trascorre il tempo libero all’aria aperta in compagnia della famiglia e degli amici «Per me le persone sono come libri viventi, anzi molto di più, ognuno ha la sua storia ed è unico». Sicuramente è anche questa curiosità che motiva Susanna come  medico e ricercatore.


@ChiaraSegre

SOSTIENI LA RICERCA DI SUSANNA. DONA ORA

Chiara Segré
Chiara Segré

Chiara Segré è biologa e dottore di ricerca in oncologia molecolare, con un master in giornalismo e comunicazione della scienza. Ha lavorato otto anni nella ricerca sul cancro e dal 2010 si occupa di divulgazione scientifica. Attualmente è Responsabile della Supervisione Scientifica della Fondazione Umberto Veronesi, oltre che scrittrice di libri per bambini e ragazzi.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza