Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Ho un varicocele: sarò sterile?

pubblicato il 22-05-2018
aggiornato il 29-05-2018

L'associazione tra varicocele e subfertilità esiste, ma non è scontata. La diagnosi precoce riduce il rischio. La guarigione passa dall'intervento chirurgico o dalla embolizzazione dei vasi dilatati

Ho un varicocele: sarò sterile?

Il varicocele è una dilatazione della vena che drena il sangue proveniente dal testicolo e la sua presenza è frequentemente associata all'alterazione dei parametri seminali. Sebbene i numerosi studi abbiano chiamato in causa molti fattori attraverso i quali il varicocele possa provocare riduzione della qualità del liquido seminale - aumento di temperatura, mancanza di ossigeno locale, stress e danno ossidativo, sostanze tossiche reflue nel testicolo -, la sua connessione con l'infertilità ancora non è completamente chiarita. 


Ciò che si impone, una volta diagnosticato clinicamente un varicocele tramite una visita, è una valutazione specialistica con l'esecuzione di un ecocolordoppler dei vasi spermatici e un’analisi del liquido seminale, per poter rapidamente intervenire chirurgicamente o attraverso tecniche di radiologia interventistica (scleroembolizzazione) minimamente invasive, qualora fossero presenti alterazioni evidenti del liquido seminale.


La correzione tempestiva è fondamentale per consentire il miglioramento dei parametri seminali e ripristinare, del tutto o in parte, la fertilità. 

Per saperne di più sulla salute al maschile, iscriviti al sito
e scarica gratuitamente il quaderno.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza