L'esperto risponde

Quanti tipi di melanoma esistono?

pubblicato il 13-06-2019

Tra tutti i tipi di tumori della pelle, il melanoma è quello meno diffuso, ma il più pericoloso. Vediamo quali sono le differenze tra le diverse forme

Quanti tipi di melanoma esistono?

Il melanoma è un tumore che colpisce la pelle, l’organo che riveste completamente il nostro corpo. Tra tutti i tipi di tumori della pelle, è quello meno diffuso, ma anche il più pericoloso. Può infatti crescere velocemente e invadere anche i tessuti circostanti.

Ci sono quattro tipologie differenti di melanoma:

  • melanoma a diffusione superficiale: è la forma già comune e
    rappresenta circa il 70 per cento di tutti i melanomi; in genere si
    sviluppa a partire da un neo pre esistente. Si presenta come una
    lesione piatta o leggermente in rilievo che si diffonde lungo lo strato
    superiore della pelle per un periodo che può essere molto lungo prima
    di diffondersi più in profondità. Compare più frequentemente sul
    tronco negli uomini e sulle gambe nelle donne.

  • lentigo maligna: è un melanoma tipico della terza età che si sviluppa
    su aree esposte cronicamente al sole come il viso, i padiglioni
    auricolari, le braccia. Rappresenta circa il cinque per cento di tutti i
    casi di melanoma. Richiede molti anni per svilupparsi e si presenta
    in genere come una lesione piatta e grande, di colore olivastro con
    varie sfumature di colore. 

  • melanoma nodulare: è la forma più aggressiva e rappresenta circa il
    15 per cento di tutti i casi di melanoma. Compare prevalentemente sul
    tronco, sulla testa e sul collo e si presenta come un nodulo a forma di cupola, di colore blu scuro ma in alcuni casi può essere rosa o rosso. Si presenta rapidamente e fin da subito può invadere i tessuti in profondità.

  • melanoma lentigginoso acrale: è l’unica forma di melanoma a
    non essere correlato con l’esposizione al sole. Si sviluppa sui palmi
    delle mani, sulle piante dei piedi o sotto le unghie. Si presenta come
    una ferita o un livido e per questo motivo spesso viene sottovalutato.
    In genere è di colore olivastro, marrone, o nero, con variazioni nel
    colore e bordi irregolari.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza