Chiudi
Oncologia
Redazione

Tumore Pancreas FAQ

pubblicato il 25-08-2022


Aggiungi ai preferiti

Registrati/accedi per aggiungere ai preferiti

Le risposte veloci alle domande più frequenti sul tumore al pancreas

Tumore Pancreas FAQ
 

Quali sono i sintomi di un tumore al pancreas?

Spesso il tumore del pancreas in fase iniziale non dà sintomi specifici. Possono comparire segnali generici: malessere addominale, disturbi digestivi, irregolarità intestinale. Quando la malattia è più avanzata, si può manifestare con ittero (colorazione gialla della pelle e delle sclere dell’occhio, spesso con feci chiare e urine scure), perdita di peso, stanchezza, dolore addominale irradiato al dorso (il cosiddetto dolore “a cintura”), nausea e vomito. Infine, il 10-20% dei pazienti può sviluppare un diabete di nuova insorgenza.

 

Che dolori dà il tumore al pancreas?

Il tumore del pancreas in fase precoce non dà segni e anche in seguito i sintomi sono spesso poco specifici, compresi i sintomi dolorosi. Può dare dolori epigastrici, nell’area centrale e superiore dell’addome, che talvolta si irradiano verso la schiena, “a cintura”.

 

Dove fa male la schiena con tumore pancreas?

Fra i sintomi spesso generici del tumore del pancreas può comparire un dolore “a cintura” che parte dall’addome superiore e si irradia verso la schiena.

 

Come sono le feci con il tumore al pancreas?

L’aumento della bilirubina, nel caso di un tumore al pancreas, può rendere scure le urine, mentre le feci diventano chiare e oleose (steatorrea), per i grassi non assimilati, e possono galleggiare sull’acqua del wc.

 

Come escludere tumore pancreas?

Se il medico sospetta un tumore del pancreas, in genere si prescrivono esami del sangue con l’analisi di alcuni marcatori tumorali, ecografia, TC o risonanza magnetica. Un’altra indagine molto importante è l’ecoendoscopia, un’ecografia endoscopica che permette di valutare l’organo ed eseguire un prelievo di cellule (biopsia o agoaspirato).

 

Quali valori del sangue indicano un tumore al pancreas?

Nei casi di tumore pancreatico si osserva spesso l’innalzamento nel sangue di un marcatore tumorale, una proteina chiamata CA 19.9 (o GICA). Il suo aumento non è necessariamente associato alla presenza di una neoplasia, ma può contribuire a interpretare la diagnosi o a monitorare l’evoluzione del tumore. Un altro marcatore utilizzato è il CEA: quando elevato, può fornire informazioni utili soprattutto nel 10% dei casi in cui il CA 19.9 non mostra variazioni.

 

Dove fa le metastasi il tumore al pancreas?

I tumori del pancreas possono produrre metastasi in varie zone del corpo, come il fegato, i linfonodi, la cavità peritoneale, i polmoni, che possono essere rilevate con sistemi di diagnostica per immagini.

 

Quanto è grave il tumore al pancreas?

Il tumore del pancreas spesso è diagnosticato in fase già avanzata ed è ancora oggi complesso da curare. Solo il 20% dei pazienti può essere sottoposto a chirurgia. La sopravvivenza a cinque anni dalla diagnosi è dell’11-12 per cento, se si considera chi ha superato il primo anno il dato sale fino al 30 per cento. In questi anni l'attenzione della ricerca scientifica si è concentrata su questo tumore e la speranza concreta è che in un futuro prossimo lo scenario migliori

 

Quanto si può vivere con un tumore al pancreas? 

Il tumore del pancreas è un tumore a prognosi severa, spesso diagnosticato in fase avanzata. Le possibilità di sopravvivenza e guarigione dipendono dalla diagnosi precoce, dallo stadio e dalle caratteristiche della malattia e dalla possibilità di operare con un intento curativo. In totale, la sopravvivenza netta a cinque anni dalla diagnosi è dell’11-12 per cento; se si considerano i pazienti trattati che superano il primo anno dalla diagnosi, la percentuale arriva al 30 per cento. Per questo negli ultimi anni gli investimenti in ricerca sono aumentati sensibilmente.

 


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina