Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
24-01-2017

Binge eating disorder: sintomi e segni a cui prestare attenzione

Disturbo da alimentazione incontrollata: Quali sono i segni? Risponde Stefano Erzegovesi, responsabile del Centro disturbi del comportamento alimentare del San Raffaele di Milano

Parliamo di binge eating disorder ovvero disturbo da binge eating nell'ultima classificazione del dsm 5 in passato chiamato disturbo da alimentazione incontrollata. Cosa succede nel disturbo da binge eating? La persona si abbuffa esattamente come si abbuffa nella bulimia ma diversamente dalla bulimia la persona non ha comportamenti di compenso e quindi non va in palestra e quindi non si sottopone a diete nei giorni in cui non si abbuffa e quindi non elimina e quindi non ho vomito, non ha lassativi, non ha altri comportamenti di eliminazione. Quindi in conseguenza a questo tipo di stile di vita patologico, chI ha un disturbo da binge eating è sempre comunque sovrappeso, il più delle volte chi ha un disturbo da binge eating è anche gravemente obeso. La cura del disturbo da binge eating esattamente come la cura dell'anoressia, della bulimia è importante che sia una cura di tipo multidisciplinare ovvero ci vuole sempre comunque la presenza contemporanea di un'equipe dove ci sia almeno un medico, uno psicologo e un nutrizionista che si possono occupare nello specifico di qualcosa che non può ovviamente essere risolto con la dieta. Spesso le persone con un disturbo da binge eating sono dei campioni delle diete ne hanno fatte a decine, a centinaia. L'obiettivo di una cura di un disturbo da binge eating non può essere una dieta per dimagrire ma deve essere un certo modo di pensare alla propria alimentazione che possa essere un alimentazione meno emotiva e più consapevole di quello che succede nella nostra pancia. Voi sapete che nella nostra pancia c'è la fame, c'è la sazietà, però nella nostra pancia ci può essere il vuoto, la noia, la tristezza e la rabbia e chiaramente una persona che si cura per questo disturbo deve essere aiutata a distinguere in maniera molto precisa le due cose.