Testamento biologico: via al servizio di consulenza sul fine vita

Una nuova possibilità offerta da Fondazione Umberto Veronesi per semplificare le scelte sul fine vita. A rispondere Marco Annoni, coordinatore del comitato etico

«Come posso essere sicura che le mie volontà siano davvero rispettate?». «Che cosa succede se dono il mio corpo alla ricerca?». «Quanti fiduciari posso nominare?». Queste sono alcune tra le domande che, nelle ultime settimane, i sosenitori di Fondazione Umberto Veronesi hanno posto ai nostri esperti sul tema testamento biologico.


Da quando la legge 219/2017 è stata approvata, anche nel nostro Paese esiste la possibilità di compilare le proprie disposizioni anticipate di trattamento (Dat). Orientarsi tra le nuove norme in materia, però, non è sempre facile. Per questo motivo Fondazione Umberto Veronesi ha organizzato una serie di incontri informativi sul territorio e realizzato una guida apposita, liberamente scaricabile dal sito. 


In più, da poche settimane, è attivo un servizio di «consulenza» diretta via email, attraverso il quale è possibile sottoporre le proprie domande direttamente a Marco Annoni, coordinatore del comitato etico di Fondazione Umberto Veronesi. Per usufruire di questa opportunità, è sufficiente inviare un'email a testamentobiologico@fondazioneveronesi.it.