Alimentazione

Birra, vino, liquori: quante calorie e quanto alcol contengono?

pubblicato il 08-02-2012

Vino, birra e digestivi non contengono solo alcol, ma va tenuto presente, specie da chi ha problemi di peso o glicemia, che ad ogni sorso forniscono anche calorie e zuccheri

Birra, vino, liquori: quante calorie e quanto alcol contengono?

Vino, birra e digestivi sono bevande che fanno parte anche delle nostre abitudini alimentari. Ma è bene sapere che comportano anche dei rischi. Ormai è noto il rischio cancerogeno correlato al consumo di alcolici, tant'è che l'Agenzia iternazionale per la ricerca sul cancro, l'Iarc, classifica le bevande alcoliche come cancerogeni del gruppo uno, ovvero sostanze che aumentano il rischio di sviluppare varie forme di tumore (del seno, del cavo orale, esofago, colon-retto). Ciò a cui pensiamo forse meno è che le bevande alcoliche apportano un quantitativo non trascurabile di energia, che come tale va a influire sull'apporto energetico medio giornaliero a cui contribuiscono innanzitutto gli alimenti.


Le bevande alcoliche non contengono soltanto alcol, ma anche zuccheri e grassi. Per questo il loro consumo va tenuto sotto controllo in particolare da chi ha problemi di peso o di controllo della glicemia.

Se consideriamo, ad esempio, che un bicchiere di vino apporta circa 80 chilocalorie, si fa presto a calcolare come, con un consumo di un bicchiere a pasto, si arriva a superare le mille chilocalorie in più a settimana. Inoltre, recenti studi sembrano indicare che l'alcol influisce sui meccanismi di regolazione del senso di sazietà e di appetito, spingendo a mangiare di più.

 

Bevanda alcolica

Misura standard

Quantità (ml)

Contenuto di alcol (g)

Apporto calorico (kgcal)

Unità Alcoliche (UA)

Vino da pasto (12 gradi)

1 bicchiere

 

125

12

84

1

Vino da pasto (11 gradi)

1 bicchiere

125

11

77

0,9

Vino da pasto (13,5 gradi)

 

1 bicchiere

125

13

91

1,1

Birra normale (4,5 gradi)

1 lattina

330

12

100

1

Birra doppio malto (8 gradi)

1 boccale

200

12

170

1

Vermouth dolce (16 gradi)

1 bicchierino

75

10

113

0,8

Vermouth secco (19 gradi)

1 bicchierino

75

10

82

0,8

Porto, aperitivi (20 gradi)

1 bicchierino

75

12

115

1

Brandy, cognac, grappa, rhum, vodka, whisky (40 gradi)

1 bicchierino

40

13

94

1,1

 

(fonte: Linee Guida INRAN)

È vero che la birra fa produrre più latte?

No, in più contiene alcol. Gli alcolici vanno evitati sia durante la gestazione sia durante l’allattamento: l’alcol viene ceduto attraverso il sangue o il latte al bambino, con effetti deleteri. Le donne che allattano dovrebbero limitare anche l’assunzione di caffè, tè e altre bevande stimolanti.

Durante l’allattamento la donna ha bisogno di più energie che durante la gravidanza: 450-550 kcal in più al giorno rispetto alla quantità che andava assunta prima della gravidanza. La dieta corretta di una donna che allatta è simile a quello della gestante: varia, ricca di acqua, vegetali freschi, pesce, latte e suoi derivati.

Sono richiesti elevate quantità di proteine, calcio, vitamine (A, C, vitamine del gruppo B) e sali minerali (iodio, zinco, rame, selenio). Nella scelta degli alimenti bisogna considerare che alcuni, come gli asparagi, danno al latte un sapore che può risultare sgradito al lattante.

Scarica il manuale "Alimentazione e salute" per saperne di più


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza