Chiudi
Alimentazione

Il segreto della longevità è nella restrizione calorica

pubblicato il 08-11-2019

Il premio internazionale «Lombardia è Ricerca» a Guido Kroemer. Lo scienziato ha scoperto che un ridotto apporto di calorie induce l'autofagia cellulare, meccanismo base per vivere più a lungo

Il segreto della longevità è nella restrizione calorica

È Guido Kroemer, 58 anni, il vincitore della terza edizione del premio internazionale «Lombardia è Ricerca», promosso da Regione Lombardia e per il 2019 dedicato all’invecchiamento attivo. La premiazione avverà oggi, 8 novembre, cerimonia della Giornata della Ricerca intitolata ad Umberto Veronesi. Allo scienziato tedesco va il merito di aver scoperto la relazione tra restrizione calorica e autofagia, un processo strettamente correlato alla longevità.

Quattro buone abitudini che allungano la vita

Quattro buone abitudini che allungano la vita

13-05-2019
TENERE PULITE LE CELLULE

Tutto inizia con una scoperta da Nobel. E' il 2016 quando lo scienziato giapponese Yoshinori Ohsumi vince il prestigioso riconoscimento per la scoperta dell'autofagia, quel complesso meccanismo cellulare che porta all’eliminazione e al riciclo di molte componenti all’interno del nostro corpo. Tale processo è finemente regolato da diversi geni. Quando tutto funziona, l’autofagia in condizioni avverse garantisce alle cellule sia un rapido combustibile sia la materia prima - derivante dal riciclo degli scarti - per «costruire» nuove strutture. L’autofagia è inoltre fondamentale nella risposta all’attacco di agenti esterni, come batteri e virus. Senza di essa, la cellula sarebbe invasa da rifiuti.

Quando per svariate ragioni il meccanismo è alterato, le cellule vanno incontro a molti disturbi. Diversi studi indicano infatti che patologie quali Parkinson, diabete e cancro possono derivare anche dal mancato funzionamento di questo complesso apparato. Non solo, diverse malattie genetiche rare sono associate a mutazioni di quei geni che regolano il processo di autofagia.

La restrizione calorica fa bene anche a chi è  normopeso

La restrizione calorica fa bene anche a chi è normopeso

13-05-2016
MENO CALORIE, PIU' AUTOFAGIA

Con il passare dell'età questo meccanismo lentamente perde di efficacia ed è così che nelle cellule si accumulano sempre più "rifiuti" portando al progressivo danno da invecchiamento. Ecco perché l'autofagia è un fattore fondamentale per la longevità. Ed è qui che entra in gioco la scoperta di Kroemer. Tra i vari fattori che influenzano questo precesso c'è infatti la restrizione calorica. Lo scienziato tedesco è stato il primo ad individuare che un ridotto apporto calorico è in grado di stimolare il processo di autofagia portando dunque a vivere più a lungo. Meno calorie, più longevità.

INGANNARE LA CELLULA

Partendo da questo legame Kroemer ha sviluppato il concetto dei “caloric restriction mimetics” (CRMs). Per indurre il processo di autofagia infatti non per forza è necessario "mangiare meno". Da tempo diversi gruppi di ricerca stanno cercando di individuare sostanze naturali o farmacologiche capaci di indurre artificialmente l’autofagia. Una di queste, la spermidina, una poliamina naturalmente contenuta nel cibo, si è dimostrata efficacia nell'indurre questo processo. Una scoperta che pone le basi per il futuro sviluppo di farmaci in grado di rallentare il processo di invecchiamento. Quanto ottenuto da Kroemer però non impatterà solamente sulla longevità: l’autofagia, è stato dimostrato, può proteggere le cellule dalla tossicità della chemioterapia. Da qui la nascita di diversi studi volti a testare la restrizione calorica in abbinamento alle terapie anti-cancro. 

 

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito della Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano - con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi - ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza