Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Alimentazione

Mangiare frutta e verdura porta felicità

pubblicato il 10-08-2016
aggiornato il 12-07-2017

Le proprietà anticancro e antiossidanti di mele, pesche, insalate sono note. Ma ora si scopre che frutta e verdura alimentano il buonumore. Per gli studiosi la «ricetta della felicità» prevede fino a otto porzioni al giorno

Mangiare frutta e verdura porta felicità

Mangiare frutta e verdura fa bene alla salute? Sì, ma anche alla felicità. O, per lo meno, alla soddisfazione di essere al mondo. Questa è l’ultima scoperta fatta sulla buona alimentazione. L’Università inglese di Warwick, alleandosi con l’Università di Queensland in Australia, ha controllato nel tempo l’alimentazione di oltre dodicimila persone alla ricerca di un possibile risvolto psicologico tra i benefici derivanti dai cibi del mondo vegetale. E l’ha trovato: il buonumore aumenterebbe addirittura in rapporto al numero di porzioni di frutta e verdura mangiate. I ricercatori anglo-australiani sono arrivati a sollecitare il consumo quotidiano di ben 8 porzioni (contro le 5 di solito raccomandate). Il salto all’insù nel senso di benessere e gioia non avviene subito. E’ stato riscontrato in capo a due anni di regime alimentare così corretto e la sua qualità-quantità così illustrata: come passare dalla disoccupazione a un posto di lavoro. Sì, una bella soddisfazione.

Vitamine: la «top ten» dei frutti

 

GIOIA E SALUTE

La ricerca, pubblicata sull’American Journal of Public Health, ricorda che frutta e verdura vengono da tempo raccomandate perché si sa che aiutano nella prevenzione di varie malattie, comprese varie forme di tumore, e hanno un potere antiossidante che combatte l’invecchiamento. E uno dei ricercatori, il professor Andrew Oswald, ha osservato: «Consumare frutta e verdura stimola la nostra gioia molto più rapidamente di quanto rafforzi la nostra salute. Tanta gente perde la spinta a mangiare nel modo suggerito per il fatto che i benefici fisici, come la protezione anti-cancro, maturano solo nell’arco di decenni». Il suo collega australiano Redzo Mujcic aggiunge: «Può darsi che i nostri risultati siano più convincenti nel far mantenere la dieta corretta nel tempo perché qui c’è in palio un “premio” psicologico, il buonumore. Un effetto che si “riscuote” molto prima dei benefici fisici».

 

FRUTTA: CON LA BUCCIA O SENZA? 

 

 

OTTIMISMO E CAROTENOIDI

Gli autori di questa ricerca notano, infine, che potrebbe esserci un collegamento con altre indagini sugli antiossidanti da cui emergerebbe un legame tra ottimismo e presenza di carotenoidi nel sangue. Comunque tanti altri studi, concludono, vanno fatti per validare o meno queste promettenti tracce. In attesa di altri riscontri, Elena Dogliotti, nutrizionista e ricercatrice della Fondazione Umberot Veronesi, così commenta questa indagine: «Intanto potrebbe essere logico che il gruppo che consuma fino a otto porzioni al giorno di frutta e verdura sia più attento alla propria salute, persone che si prendono cura del proprio corpo, che desiderano star bene. Al punto da rendersi protagoniste attive per perseguire questo obiettivo, nella consapevolezza di avere un ruolo importante nell'ottenimento di un benessere fisico che, perciò, si traduce anche in un benessere psicologico». Alla fin fine, dunque, uno star bene con se stessi, un sentirsi bene dentro la propria pelle, come si usa dire. Non è già una forma di felicità?

 

Serena Zoli
Serena Zoli

Giornalista professionista, per 30 anni al Corriere della Sera, autrice del libro “E liberaci dal male oscuro - Che cos’è la depressione e come se ne esce”.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video