Altre News

DIabete: i valori della glicemia (quali, come e quando controllarli)

pubblicato il 02-07-2014
aggiornato il 21-07-2020

Come misurare e interpretare i livelli di zuccheri nel sangue

DIabete: i valori della glicemia (quali, come e quando controllarli)

Valori di glicemia a digiuno compresi tra 100 e 125 mg/dl, pur non individuando uno stato di diabete, rappresentano comunque una condizione di rischio (cosiddetta alterata glicemia a digiuno) da monitorare.

Valori a digiuno superiori o uguali a 126 mg/dl , riscontrati in due occasioni, individuano una condizione di diabete.


Inoltre valori di glicemia dopo 2 ore da un carico orale di glucosio (c.d. curva glicemica) inferiori a 140 mg/dl sono ritenuti normali, valori tra 140 e 199 mg/dl fanno porre diagnosi di ridotta tolleranza ai carboidrati ed infine valori superiori o uguali a 200 fanno porre diagnosi di diabete.


Nel soggetto adulto, già noto come diabetico, gli obiettivi nella grande maggioranza dei casi sono una glicemia a digiuno e prima dei pasti compresa tra 70 e 130 mg/dl, dopo due ore dai pasti fino a 140-180 mg/dl ed una emoglobina glicata inferiore a 7% (particolare test che valuta la glicemia nei tre mesi precedenti l'esame).

 

 
PERCHE' OCCORRE CONTROLLARE I LIVELLI DI GLICEMIA NEL SANGUE?

Per chi soffre di diabete, eseguire un corretto monitoraggio del livello di glicemia nel sangue è prezioso e vitale. Tale controllo tra le altre cose consente di:

  • Fornire al paziente ed al medico curante informazioni specifiche sui valori glicemici 

  • Identificare e/o prevenire le ipoglicemie e le iperglicemie

  • Gestire in modo corretto il dosaggio dell'insulina

L'autocontrollo della glicemia è un elemento fondamentale per il trattamento del diabete di tipo 2. Il paziente deve essere in grado di eseguire correttamente il controllo dei valori glicemici e di modificare la terapia (a partire dallo schema del diabetologo e secondo le sue indicazioni) in relazione ai valori riscontrati, alla dieta e all'esercizio fisico.

 


COME POSSO MISURARE LA GLICEMIA? 

Prima di tutto ricorda di avere a disposizione il glucometro, le strisce reattive, un batuffolo di cotone imbevuto con disinfettante, un batuffolo di cotone asciutto e una lancetta pungidito. Per ottenere il campione di sangue segui le indicazioni descritte nei seguenti cinque punti:

  • Disinfetta un polpastrello. Asciuga ogni residuo di disinfettante

  • Pungi con la lancetta pungidito uno dei polpastrelli delle dita

  • Ricorda di cambiare polpastrello ogni volta che dovrai eseguire un
    nuovo controllo

  • Comprimi con il pollice dell'altra mano la zona del polpastrello vicina alla puntura per far si che la goccia di sangue fuoriesca più facilmente

  • Applica la goccia sulla striscia reattiva o lascia che la striscia reattiva aspiri la goccia. Questi due differenti metodi dipendono dal tipo di
    glucometro acquistato

  • Dopo alcuni secondi, il glucometro darà il risultato della tua glicemia

 

 

COME FACCIO A CAPIRE SE IL GLUCOMETRO MI HA DATO UN RISULTATO CORRETTO?


Per ottenere un risultato quanto più preciso possibile, occorre attenersi scrupolosamente alle istruzioni contenute nel foglietto
illustrativo del glucometro acquistato.

 


IN QUALI MOMENTI DELLA GIORNATA DEVO MISURARE LA GLICEMIA?

I controlli possono essere eseguiti a rotazione, il mattino a digiuno,
prima dei pasti, dopo due ore dal pasto o prima di andare a letto.
In caso di terapia con insulina i controlli vanno ripetuti più volte al
giorno (prima dei pasti e due ore dopo cena). Inoltre, devono essere
fatti tutte le volte che hai sintomi di ipoglicemia o iperglicemia.

 

 

LE COMPLICANZE DELLA MALATTIA DIABETICA

Nel corso della malattia diabetica possono subentrare delle complicanze che colpiscono:

  • Gli occhi

  • I reni

  • I nervi

  • Il sistema cardiovascolare

Tutti i vari distretti del corpo possono comunque essere interessati da alcune complicanze. Per esempio, bisogna controllare con molta attenzione lo stato di salute dei piedi, dove in alcuni casi si possono presentare delle infezioni o ulcere anche severe.


Ricordare di eseguire con regolarità tutti gli esami attraverso i quali si possono individuare precocemente queste diverse complicanze, in modo da poter intervenire in tempo: il diabetologo saprà guidarvi in questo.


Ricordare più di ogni altra cosa che la strategia migliore per la loro prevenzione è il controllo adeguato e costante dei valori glicemici: più questi sono nella norma, meno è probabile che le complicanze si manifestino.


Astenersi inoltre dal fumo e controllare spesso i valori della pressione
arteriosa, quelli del colesterolo e dei trigliceridi, perché anche questi
fattori possono contribuire allo sviluppo di alcune delle complicanze qui
presentate.

SPECIALE DIABETE


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina