Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Altre News

La gotta è questione di geni ma non solo

pubblicato il 30-10-2013
aggiornato il 12-01-2017

Grazie a un grande studio mondiale che ha coinvolto 144 centri sono stati scoperti 18 nuovi geni alla base di una patologia che è prerogativa quasi esclusiva dei maschi e che colpisce anche il 7% di italiani. Nuovi farmaci allo studio ma di grande importanza sono alimentazione e stili di vita

La gotta è questione di geni ma non solo

 

 

Grazie a un grande studio mondiale sono stati scoperti 18 nuovi geni alla base di una patologia che è prerogativa quasi esclusiva dei maschi e che colpisce anche il 7% di italiani. Nuovi farmaci, alimentazione e stili di vita

Scoperti 18 nuovi geni coinvolti nell’origine della gotta, malattia dovuta a un eccesso di acido urico nel sangue. La notizia, pubblicata sul Nature Genetics, è il risultato di uno studio che ha impegnato 144 centri mondiali, di cui 11 italiani (fra cui l’Università Cattolica e il Policlinico Gemelli che ha contribuito con 1.000 candidati sugli oltre 140 mila arruolati di origine europea) e che apre le porte verso farmaci più efficaci che abbiano come bersaglio d’azione i nuovi geni.

LA GOTTA – Attacchi ricorrenti di artrite infiammatoria acuta con dolore, arrossamento delle articolazioni, gonfiore dovuto a depositi di cristalli di acido urico: sono le manifestazioni più comuni della gotta. Una patologia che colpisce all’incirca il 7% di italiani con più di 65 anni. A causarla è l’uricemia quando raggiunge livelli troppo elevati nel sangue, superiori a 7 mg/dl nell’uomo e a 6.5 mg/dl nella donna. «E’ solo la prima manifestazione della gotta – spiega Giovanni Gambaro, Direttore della UOC di Nefrologia e dialisi del Policlinico romano presso il Complesso Integrato Columbus - che può portare a diverse comorbidità: calcolosi renale, patologie cardiovascolari e renali, erosioni e mutilazioni articolari». Lo studio ha consentito di mettere in luce 18 geni correlati al sistema ‘inibina-inactivina’ che regola fra l’altro la fertilità, il rilascio di insulina, i processi infiammatori e la produzione di ormoni sessuali: tutti possibili complici di una errata sintesi dell’acido urico a livello metabolico.

PREVENZIONE – Una informazione preziosa poiché si stima che la gotta abbia per il 70% una origine genetica e che per la restante sia correlata a diversi fattori ambientali. Il cibo è uno fra i più importanti. «L’uricemia è dovuta all’incapacità dell’organismo di smaltire alcuni tipi di acidi nucleici, chiamati purine – commenta il professor Gambaro – contenuti soprattutto in alimenti di origine animale, fatta eccezione per uova e latticini. Vanno in particolare evitati il pesce azzurro (acciughe e sardine), frattaglie (fegato, cervella, rognone), molluschi e crostacei, selvaggina ». L’attenzione va estesa anche alle bevande: molta acqua (2-3 litri al giorno) e niente alcool, superalcolici e birra in particolare. L’alimentazione è d’aiuto, ma la cura per la gotta è solo farmacologica. «Ad oggi il trattamento più efficace è a base di allopurinolo o di febuxostat –conclude lo specialista - ma esistono importanti effetti collaterali che ne limitano, in alcuni casi, l’utilizzo. Grazie a questa scoperta, puntiamo a nuove vie di ricerca per lo sviluppo di terapie innovative con meccanismi di azione differenti da quelli attuali ».

Francesca Morelli


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video