Chiudi
L'esperto risponde

Come accettare un corpo che cambia dopo una diagnosi di cancro?

pubblicato il 23-09-2020

La nostra immagine contribuisce a determinare autostima e reputazione. Dopo aver avuto un tumore, occorre trovare un nuovo equilibrio con il proprio corpo

Come accettare un corpo che cambia dopo una diagnosi di cancro?

L’immagine corporea è importante, poiché costituisce il modo in cui pensiamo e sentiamo il nostro corpo e come crediamo che gli altri ci vedano. 


Il cancro e i suoi trattamenti possono cambiarla radicalmente, a volte temporaneamente altre in maniera permanente: la perdita di una parte del tuo corpo, la caduta dei capelli, la presenza di cicatrici, l’aumento o la perdita di peso sono alcuni dei cambiamenti più comuni con cui fare i conti. Il cancro può causare anche cambiamenti non visibili che tuttavia hanno ripercussioni sull’immagine che si ha di sé, come la perdita della fertilità

Il cambiamento dell’immagine di sé è una delle sfide più difficili per chi si ammala di cancro: è normale sentirsi a disagio o infelici per il proprio corpo; provare ansia e voler tenere nascosto il cambiamento; provare una perdita di femminilità (o mascolinità); non sentirsi più quello che si era una volta. È necessario del tempo per adattarsi ai cambiamenti del corpo. Ma occorre prenderne atto e costruire gradualmente una nuova immagine di sé: per questo è importante non sfuggire al confronto con il cambiamento.


Evitare di guardare le parti del corpo che hanno subito un cambiamento (una cicatrice, la perdita di un seno, una stomia), per esempio, è una delle reazioni più comuni. Ma solo guardando e familiarizzando con il nuovo si può cominciare il processo di accettazione del cambiamento. Lo si può fare gradualmente, magari con il supporto del personale sanitario, di uno psicologo o di un proprio caro.


La prima reazione potrebbe essere di shock e di rifiuto, ma solitamente questi sentimenti diminuiscono man mano che si inizia ad abituarsi al cambiamento. Alcuni pazienti sono preoccupati per ciò che penseranno gli altri, ma spesso questa preoccupazione è un riflesso della mancata accettazione di sé.


Se ciò avviene, non bisogna avere timore di parlarne e di chiedere il supporto di uno specialista. L’accettazione dell’immagine corporea è fondamentale per il proprio benessere e per affrontare con serenità la malattia.

 


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina