Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

L'albinismo aumenta il rischio di avere un tumore della pelle?

pubblicato il 20-06-2018

La probabilità è aumentata nei soggetti albini. Nel tempo possono comparire diverse lesioni cutanee, che non per forza rappresentano però recidive di un precedente tumore

L'albinismo aumenta il rischio di avere un tumore della pelle?

Sono una donna albina, affetta da metastasi tumorale superiore della pelle. Sono stata sottoposta svariate volte a interventi chirurgici del carcinoma e basalioma. Volevo chiedervi se c’è un nuovo rimedio per evitare di essere continuamente operata.

Rosa C. (domanda giunta come commento al seguente articolo)

Risponde Corrado Caracò, responsabile della struttura complessa chirurgia oncologica melanoma dell'Istituto Nazionale dei Tumori Fondazione Pascale di Napoli


I soggetti albini, per un'anomalia congenita ed ereditaria, mancano in modo parziale o totale della colorazione della pelle, dovuta ai melanociti. Per tale motivazione sono persone più a rischio di sviluppare tumori cutanei, indipendentemente da quanto si espongono al sole. L'incidenza di epiteliomi, ovvero tumori maligni non pigmentati della pelle, o di melanoma è più alta nei soggetti albini. Entrambe le neoplasie si riscontrano con una frequenza maggiore tra i giovani.


La prevenzione con visite specialistiche periodiche e l'autoesame sono le armi vincenti per identificare precocemente lesioni a rischio, che andranno asportate chirurgicamente per ottenere la certezza diagnostica con l'esame istologico. La comparsa di nuove lesioni non deve però demoralizzare: non sono da consderarsi recidive, ma lesioni ex-novo che compaiono nel tempo proprio per le caratteristiche della pelle.



Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza