Chiudi
L'esperto risponde

Nodulo polmonare: che cos'è? Quando si interviene?

pubblicato il 02-07-2021

La presenza di un nodulo polmonare non deve per forza allarmare. Ecco come intervenire e quali esami diagnostici effettuare a seconda delle dimensioni

Nodulo polmonare: che cos'è? Quando si interviene?

Ogni 500 radiografie del torace si riscontra un nodulo polmonare. Viene definito nodulo un’opacità polmonare (opacità ai raggi X in quanto il tessuto è più denso del tessuto circostante) isolata, sferica o ovoidale, con diametro inferiore a 3 centimetri. Quando è presente solo un nodulo si parla di nodulo polmonare solitario.

I noduli molto piccoli raramente sono maligni, se la lesione è di dimensioni superiori a 3 centimetri si parla di massa polmonare ed è più probabile che sia di natura maligna.

Se il nodulo è inferiore a 6 millimetri, non è necessario eseguire altri esami, a meno che il paziente non abbia fattori di rischio (fumo, età avanzata, familiarità per il tumore del polmone…) o che alcune caratteristiche radiologiche siano sospette, in tal caso si consiglia di effettuare una TC del torace a distanza di 12 mesi.

Se le dimensioni sono superiori, si monitora la situazione con la TC per controllare che la lesione sia stabile oppure si effettua una PET-TC. Quando le caratteristiche evidenziate dall’esame radiologico suggeriscono che possa essere maligno si procede direttamente alla biopsia o alla rimozione del nodulo.


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina