Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Quando è il caso di usare gli inibitori di pompa protonica?

pubblicato il 03-08-2017
aggiornato il 26-09-2017

L'efficacia dei prazoli non è in discussione, ma il loro utilizzo deve essere appropriato. Ecco quando i benefici degli inibitori di pompa protonica superano gli svantaggi

Quando è il caso di usare gli inibitori di pompa protonica?

La loro efficacia non è in discussione. Ma, dal momento che un paziente su due fa un cattivo utilizzo degli inibitori di pompa protonica (noti anche come prazoli), fare chiarezza sulle condizioni che ne raccomandano la somministrazione è necessario.

Si tratta di farmaci in grado di inibire la secrezione acida da parte dello stomaco (funzionale alla digestione e all'annientamento di batteri introdotti attraverso la via digerente). Possono avere controindicazioni importanti ma sono utilissimi nei casi di gastrite, per alleviare i sintomi del reflusso gastroesofageo e nelle infezioni da Helicobacter Pylori.

Quando non si può proprio fare a meno degli inibitori di pompa protonica? Lo abbiamo chiesto a Marco Soncini, direttore dell'unità operativa complessa di gastroenterologia, Asst Santi Paolo e Carlo di Milano e tesoriere dell'Associazione Italiana dei Gastroenterologi Ospedalieri (Aigo).

QUANDO E' IL CASO DI USARE GLI INIBITORI DI POMPA PROTONICA?


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza