Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Se una donna non raggiunge il piacere è colpa dell'uomo?

pubblicato il 04-09-2013
aggiornato il 06-09-2017

Risponde Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia dell'Ospedale San Raffaele Resnati di Milano

Se una donna non raggiunge il piacere è colpa dell'uomo?

Risponde Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano.

Non ho l’orgasmo nel rapporto sessuale ed ho 30 anni.  E non mi consola sapere che non ce l’ha la maggioranza delle donne e che molte a letto fingono. Una mia amica sostiene che non esistono donne anorgasmiche ma solo uomini “che non ci sanno fare”. Qual è la verità?

Carolina F. , Ferrara

 Risponde Alessandra Graziottin, Direttore del Centro di Ginecologia dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano

Gentile Carolina, in verità esistono sia donne anorgasmiche per problemi loro, sia uomini che non ci sanno fare. Cominciamo dagli ingredienti necessari per avere un orgasmo durante la penetrazione (“coitale”).

Da parte della donna ci vogliono: ormoni e salute adeguati, desiderio vivace, pronta eccitazione mentale e fisica, generale e genitale, con lubrificazione e congestione vascolare (per la preparazione della cosiddetta ”piattaforma orgasmica”), un buon tono del muscolo che circonda la vagina, che deve essere elastico e capace di “partecipare” al rapporto, un bel punto G, ma anche la capacità di erotizzare “l’aggressività” (sana!) implicita nella penetrazione. Tale capacità è più immediata, naturalmente, se la donna è innamorata e ricambiata. 

Da parte dell’uomo, ci vogliono desiderio vivace, sensualità, un’erezione gloriosa e che duri almeno due minuti (cosa non ovvia) per dare tempo alla donna di ricevere una stimolazione fisica adeguata.

Si può fare un gioco: da zero a 10, lei che voto si darebbe (e darebbe al suo partner) nei diversi ingredienti che ho brevemente indicato? Se si dà qualche insufficienza, ha un buono stimolo per migliorare la propria potenzialità orgasmica. Se invece il partner soffre di scarso desiderio, ha difficoltà ad avere e/o mantenere un’erezione valida oppure se, iniziata la penetrazione, ha l’eiaculazione in meno di un minuto (problema che interessa il 20 % dei maschi italiani), va aiutato dal medico con farmaci appropriati. Questi ingredienti costituiscono la condizione necessaria, ma non (sempre) sufficiente, per avere orgasmi coitali.

Per averli memorabili, ci vogliono anche un’alchimia di pelle (i feromoni aiutano la passione) per quell’attrazione che accende in un secondo corpo e mente, e, sì, anche savoir faire, ossia esperienza erotica e  grande sensualità in entrambi i partner.

Per “caricare” energia erotica a livello pelvico possono essere utili questi esercizi: il movimento fisico quotidiano migliora energia, umore e desiderio; mezz’ora di jogging prima del rapporto aumenta significativamente l’eccitazione genitale; - esercizi per gli addominali, gli adduttori e i muscoli pelvici possono facilitare l’orgasmo;  infine i balli latino-americani (o, super, la danza del ventre), sbloccano il bacino e migliorano la sensualità.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video