Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Neuroscienze

Sclerosi laterale amiotrofica (SLA): traumi come fattore di rischio

pubblicato il 17-04-2011

Tag:

sla

All’aumentare del numero di traumi è corrisposto un aumento del rischio di malattia

Sclerosi laterale amiotrofica (SLA): traumi come fattore di rischio

I traumi fisici (slogature, fratture, colpi violenti) sono uno dei fattori che concorrono allo sviluppo della sclerosi laterale amiotrofica. Ad affermarlo sono i ricercatori dell’Istituto Mario Negri di Milano. Lo studio, presentato in anteprima durante il convegno “Sclerosi Laterale Amiotrofica, i Malati e la Ricerca” tenutosi presso l’istituto milanese, è in procinto di essere pubblicato su un’importante rivista scientifica del settore.

RUOLO DEI TRAUMI- Lo studio dei ricercatori milanesi ha coinvolto 377 malati e 754 persone sane intervistate dal settembre 2007 all’aprile 2010. «Dalle analisi effettuate è emerso che vi è un’associazione significativa fra i traumi e la patologia» spiega il dottor Ettore Beghi del Laboratorio Malattie Neurologiche del Dipartimento Neuroscienze del Mario Negri. Un altro dato interessante è la relazione tra il numero di traumi e lo sviluppo della SLA. I risultati ottenuti mostrano un andamento lineare, all’aumentare del numero di traumi è corrisposto un aumento del rischio di malattia. «Si può dunque concludere che l’evento 'trauma’ sia un fattore di rischio per la SLA, soprattutto se ripetuto» afferma Beghi.

SLA IN CIFRE- La SLA è una malattia neurodegenerativa che porta alla lenta e progressiva perdita della muscolatura. Ciò avviene perché alcuni motoneuroni, ovvero cellule in grado di stimolare il muscolo a contrarsi, muoiono per ragioni ancora poco chiare. Ogni anno in Italia la SLA colpisce circa 3 persone ogni 100 mila ed affligge attualmente più di 4 mila persone. Nel 10% dei casi si tratta di una malattia ereditaria ma solo in un terzo di essi sono noti i geni responsabili. Il 90% dei malati sono invece affetti da SLA sporadica, ovvero senza alterazioni genetiche riconosciute. Diagnosticare la SLA è spesso difficile poiché la valutazione si basa sulla progressione dei sintomi e questo comporta che la diagnosi avvenga anche un anno dopo l'esordio della malattia, riducendo così le possibilità di un rapido intervento terapeutico.

CAUSE DELLA SLA- Allo stato attuale le ipotesi più accreditate per spiegare la degenerazione dei neuroni sono tre: un danno di tipo eccitotossico, ovvero tossicità neuronale dovuta all'esposizione ad alte concentrazioni di acido glutammico, un danno di tipo ossidativo, ovvero derivante dalla formazione di radicali liberi in eccesso e un danno dovuto all'accumulo di proteine alterate che il neurone non è in grado di eliminare efficacemente. Tra i diversi fattori di rischio che concorrono allo sviluppo della malattia vi sono poi l’esposizione a metalli, attività fisica, sport, traumi, fumo e alcool.

SLA E STAMINALI- Un altro dato interessante emerso durante il convegno è quello che riguarda l’utilizzo delle cellule staminali del cordone ombelicale come possibile terapia. Le indagini, al momento effettuate in modelli animali dalla dottoressa Caterina Bendotti del Laboratorio di Neurobiologia Molecolare del Mario Negri, hanno mostrato un effetto benefico delle staminali sulla progressione della malattia. In particolare esse non promuoverebbero la sostituzione delle cellule malate ma produrrebbero dei fattori di crescita e delle molecole antinfiammatorie in grado di migliorare la progressione della malattia. Un meccanismo già noto in altre patologie.

Daniele Banfi


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza