Chiudi
Oncologia

Come comportarsi al lavoro dopo una diagnosi di cancro?

pubblicato il 17-12-2020

La scoperta di un tumore può far rivedere le priorità, tra cui anche quelle professionali. Il periodo delle cure è utile a riorientare la propria vita

Come comportarsi al lavoro dopo una diagnosi di cancro?

È normale che una diagnosi di cancro metta in discussione il proprio stile di vita e faccia rivalutare le proprie priorità. Ciò accade particolarmente nelle persone che, per scelta o per necessità, dedicano molto tempo al lavoro.


È normale pensare, all’improvviso, di aver sprecato il proprio tempo invece di fare ciò che si è sempre desiderato: stare di più con la famiglia, viaggiare o persino cambiare lavoro. È bene parlare di questi sentimenti con uno psicologo, perché non sono di per sé negativi. Secondo la psicologia positiva, una grave malattia può essere un momento di crisi ma anche un punto di svolta.


Di fatto, quasi tutti coloro che hanno affrontato una malattia impegnativa affermano di essere usciti cambiati dall’esperienza, spesso più sicuri di sé e di ciò che davvero desiderano per se stessi e per la propria vita. Non sempre questo tumulto interiore è compreso e accettato dagli altri membri della famiglia. Una madre che si è sempre messa al servizio di tutti può aver voglia di dedicarsi ad altro e apparire all’improvviso quasi egoista. Una lavoratrice può desiderare una pausa, anche se questo significa rallentare la propria carriera o ridurre i propri guadagni.


Per questo è essenziale parlarne con sincerità e chiedere l’aiuto di uno specialista se si incontra, in famiglia o tra gli amici, resistenza e incomprensione. Per fortuna in Italia, contrariamente a quanto accade in altri Paesi, un malato di cancro ha diritto a un periodo anche prolungato di assenza dal lavoro per malattia, che può essere sfruttato, da chi lo desidera, anche per riflettere sulle proprie priorità e approfittare di questa pausa forzata per riorientare la propria esistenza.



Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina