Da non perdere
Daniele Banfi

I vaccini per Covid-19 funzionano: casi e ricoveri in diminuzione

pubblicato il 25-02-2021

L'impatto della vaccinazione contro Covid-19 comincia a farsi sentire. Laddove si è avanti con la campagna calano i nuovi casi e i ricoveri

I vaccini per Covid-19 funzionano: casi e ricoveri in diminuzione

I vaccini contro Covid-19 stanno cambiano la traiettoria della pandemia. Se sino a qualche mese fa l'efficacia di questi strumenti era stata valutata nei trial clinici su un numero relativamente ristretto di persone -diverse migliaia, rispetto alla popolazione totale-, oggi cominciano ad arrivare i primi confortanti risultati ottenuti su un gran numero di individui. Riduzione nel numero di nuovi casi, diminuzione dei ricoveri e blocco della trasmissione virale sono tra i principali effetti dovuti alla vaccinazione. Risultati importanti osservati in quelle nazioni avanti con la campagna di distribuzione dei vaccini.

Pfizer-BioNTech e Moderna: inizia l'era dei vaccini a mRNA

Pfizer-BioNTech e Moderna: inizia l'era dei vaccini a mRNA

07-01-2021
LABORATORIO ISRAELE: CAMBIA L'IDENTIKIT DEL MALATO

Per osservare l'impatto della vaccinazione sulla popolazione non c'è miglior modo che guardare ad Israele, dove 87 persone su 100 hanno ricevuto il vaccino e sul totale siamo al 53% di copertura della popolazione. Somministrato in primis nella popolazione più vulnerabile, ovvero le persone più anziane, nelle prime settimane il vaccino ha cambiato l'identikit dei ricoverati. Se prima delle somministrazioni i ricoveri sopra i 60 anni rappresentavano il 60-80% del totale, immunizzati i più anziani gli accessi agli ospedali riguardano ora in gran parte (60%) gli under-60. Ma adesso che la vaccinazione sta raggiungendo le altre fasce di popolazione, le curve di riduzione dei nuovi casi e delle ospedalizzazioni cominciano a somigliare tra loro, segno dell'effetto della vaccinazione.

Abbiamo a cuore i pazienti più fragili

Abbiamo a cuore i pazienti più fragili

Non fermare la ricerca


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare

INGHILTERRA: CALANO I CASI NEGLI OVER-80

Un'altra nazione dove la vaccinazione, seppur non paragonabile ad Israele, è particolarmente avanti è l'Inghilterra. Anche in questo caso nei dati preliminari rilasciati dal ministero della Salute inglese, il vaccino di Pfizer-BioNTech ha ridotto notevolmente i nuovi casi negli over-80. Con una prima dose la riduzione dei nuovi casi è stata del 57% e del 75% di casi gravi. Con la seconda dose la riduzione di casi si è attestata all'88%, segno che il vaccino sta funzionano in maniera efficace

Covid-19: la pandemia in 10 date da ricordare

Covid-19: la pandemia in 10 date da ricordare

31-12-2020
SCOZIA: DRASTICA RIDUZIONE DELLE OSPEDALIZZAZIONI

Buone notizie giungono anche dalla Scozia. Secondo i dati rilasciati dal servizio di salute pubblica, la vaccinazione già con una sola dose ha portato ad un crollo nel numero dei ricoveri tra chi ha ricevuto il vaccino. In particolare la riduzione è stata del 94% per il vaccino AstraZeneca e dell'85% per Pfizer-BioNTech. Un'altra evidenza di quanto la campagna vaccinale stia funzionando "sul campo".

IN ITALIA CALANO I NUOVI CASI TRA IL PERSONALE SANITARIO

Altri dati a supporto dell'ottimo impatto della vaccinazione sulla popolazione è relativo al nostro Paese. Nelle scorse settimane, in un periodo di relativa stabilità nel numero dei contagi, si è registrata una netta diminuzione dei positivi nelle persone che hanno ricevuto la vaccinazione. Dal momento che nel nostro Paese gli operatori sanitari sono stati i primi a ricevere il vaccino, i nuovi casi sono diminuiti del 64%.

Covid-19: ecco chi sono i malati che saranno vaccinati prima

Covid-19: ecco chi sono i malati che saranno vaccinati prima

11-02-2021
IL VACCINO PFIZER BLOCCA LA TRASMISSIONE

Ma c'è un'altra grande notizia circa l'efficacia delle vaccinazione. Negli studi che hanno portato al loro via libera questi vaccini si sono dimostrati utili nel prevenire lo sviluppo della malattia in una percentuale elevatissima (94% e oltre). Prevenire lo sviluppo dei sintomi però non significa aver vinto la battaglia contro il coronavirus. Ciò che ancora restava da capire era se i vaccini avessero anche capacità di immunità sterilizzante, ovvero la capacità di un vaccino non solo di bloccare il decorso della malattia ma anche di bloccarne la trasmissione virale. Dal "laboratorio Israele" arriva ora la conferma grazie ad uno studio pubblicato sulle pagine del New England Journal of Medicine. Confrontando 600 mila persone che hanno ricevuto il vaccino Pfizer-BioNTech con altrettante ancora non vaccinate, il vaccino si è dimostrato efficace nell'evitare l'infezione nel 92% dei casi. Un risultato straordinario: la vaccinazione non è solo utile per evitare la malattia ma anche per ridurre la circolazione del virus.

 

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito della Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano - con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi - ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina