Da non perdere

Il vaccino Pfizer-BioNTech previene anche l'infezione: il caso di Israele

pubblicato il 19-02-2021

Non solo prevenzione dei sintomi. Il vaccino è efficace anche nel prevenire il contagio. In Israele calano i nuovi casi e i ricoveri nelle fasce di età più coperte dalla vaccinazione

Il vaccino Pfizer-BioNTech previene anche l'infezione: il caso di Israele

Il vaccino Pfizer-BioNTech per Covid-19 non solo protegge dalla malattia ma previene anche l'infezione. E' questo, in estrema sintesi, il messaggio che emerge da uno studio rilasciato dal Ministero della Salute israeliano. Un'ottima notizia che se confermata indicherebbe chiaramente che il vaccino è potenzialmente in grado di ridurre drasticamente la circolazione del virus.

Pfizer-BioNTech e Moderna: inizia l'era dei vaccini a mRNA

Pfizer-BioNTech e Moderna: inizia l'era dei vaccini a mRNA

07-01-2021
RAGGIUNGERE L'IMMUNITA' STERILIZZANTE

Mentre la ricerca procede nel tentativo di individuare possibili nuove cure per Covid-19, gli ultimi mesi sono stati contrassegnati dal successo dei vaccini contro Sars-Cov-2. Progettati e testati con successo a tempo di record oggi abbiamo finalmente disponibili diversi vaccini utili nel cambiare la storia della pandemia. I primi ad arrivare sono stati quelli a mRNA di Pfizer-BioNTech e Moderna. Negli studi che hanno portato al loro via libera questi vaccini si sono dimostrati utili nel prevenire lo sviluppo della malattia in una percentuale elevatissima (94% e oltre). Prevenire lo sviluppo dei sintomi però non significa aver vinto la battaglia contro il coronavirus. Ciò che ancora restava da capire era se i vaccini avessero anche capacità di immunità sterilizzante, ovvero la capacità di un vaccino non solo di bloccare il decorso della malattia ma anche di bloccarne la trasmissione virale.

Abbiamo a cuore i pazienti più fragili

Abbiamo a cuore i pazienti più fragili

Non fermare la ricerca


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare

IL VACCINO PREVIENE L'INFEZIONE

Negli studi finalizzati all'approvazione questa capacità, per via di motivi organizzativi, è stata solo parzialmente valutata in un piccolo numero di partecipanti al trial di Moderna. I primi risultati apparsi nei mesi scorsi erano confortanti. Ora, grazie ai dati provenienti da Israele -nazione che rappresenta il caso principe per lo studio sull'efficacia dei vaccini per Covid-19- (ad oggi è stato vaccinato il 79% della popolazione), i risultati confortanti sembrano essere confermati. In base ai dati raccolti dal database nazionale israeliano, il vaccino Pfizer-BioNTech -l'unico somministrato nel Paese- è risultato efficace quasi al 90% nel prevenire l'infezione. Tradotto: il vaccinato, entrando in contatto con il virus, non solo non sviluppa la malattia ma non è in grado di infettare altre persone.

Covid-19: ecco chi sono i malati che saranno vaccinati prima

Covid-19: ecco chi sono i malati che saranno vaccinati prima

11-02-2021
TRA I VACCINATI CALANO NUOVI CASI E RICOVERI

Un risultato importante che sta contribuendo a modificare drasticamente la realtà della pandemia. In Israele infatti da qualche settimana -complice l'avvenuta seconda dose nelle persone superiori a 60 anni- nuovi casi, ricoveri e accessi in terapia intesiva stanno diminuendo ad una velocità estremamente maggiore rispetto alle altre fasce di età dove la copertura vaccinale è minore. L'uscita dalla pandemia passerà da quanto saremo rapidi a vaccinare.

 

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito della Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano - con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi - ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina