Chiudi
Ginecologia
Paola Scaccabarozzi

Endometriosi e infertilità: un aiuto dalla crioconservazione

pubblicato il 04-04-2022

Diagnosi più rapide (ora ci vogliono anni) e accesso alla crioconservazione possono aiutare le donne con endometriosi a superare l'infertilità

Endometriosi e infertilità: un aiuto dalla crioconservazione

L’endometriosi è una malattia molto diffusa, colpisce una donna su dieci. Tre milioni sono le italiane che ne soffrono, 14 milioni nella comunità europea e 176 milioni nel mondo. La difficoltà a concepire è una delle possibili conseguenze, ma molto si è fatto per le donne alle prese con infertilità da endometriosi.

 

L'ENDOMETRIOSI E LA FERTILITÀ

Si tratta di una patologia che consiste nell’insediamento e nella crescita fuori sede (ovaie, tube, intestino, vagina e vescica) di tessuto endometriale, ossia la mucosa che riveste la parete interna dell’utero e che si sfalda durante il ciclo mestruale. La presenza dell’endometriosi è spesso legata al dolore, ha dunque un impatto significativo sulla qualità di vita e può determinare sterilità. «Ciò accade nel 30-50% dei casi» spiega il professor Massimo Candiani, grande esperto di Endometriosi e direttore dell’Unità Ginecologia e Ostetricia dell’IRCCS Ospedale San Raffaele, in occasione del seminario Endometriosi: un percorso condiviso, svoltosi il 30 marzo a Milano e promosso da Regione Lombardia. «Ciò non vuol dire affatto che una donna affetta da endometriosi non possa diventare madre, ma che, talvolta, è più difficile e richiede un percorso mirato e personalizzato. Le ragioni della riduzione della fertilità dipendono dagli effetti negativi dell’infiammazione del tessuto ovarico sano e della eventuale distorsione della normale anatomia pelvica determinata da aderenze e fibrosi».

 

PREVENIRE È POSSIBILE

In che modo? Il primo passo è quello di rendere la diagnosi più solerte perché capita, e non di rado, che si arrivi a una definizione corretta della malattia solo dopo un lungo e sfinente iter fatto di visite, esami e controlli. In genere si impiegano in media sette, otto anni per arrivare alla diagnosi, come emerso anche dalle testimonianze delle numerose associazioni e fondazioni presenti all’incontro, AENDO (Associazione italiana dolore pelvico ed endometriosi), ONDA (Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere), A.L.I.C.E. ODV (Associazione Lotta Italiana per la Consapevolezza sull’Endometriosi) e Gruppo di sostegno Endometriosi parliamone. Auto mutuo aiuto. «È fondamentale inoltre - spiega Candiani - procedere con interventi chirurgici ovarici più conservativi possibile e crioconservare gli ovociti in giovane età».

 

LA CRIOCONSERVAZIONE DEGLI OVOCITI 

«La crioconservazione offre così alle giovani pazienti che non cercano una gravidanza a breve termine - spiega Candiani - la possibilità di poter raccogliere e conservare in una banca biologica un proprio pool di ovociti congelati. L’obiettivo è quello di ampliare al massimo le chances riproduttive di ogni donna affetta da endometriosi. Pensando più in generale a gravidanze che vengono sempre più posticipate nel tempo per ragioni economiche, sociali e di varia natura, si potrebbe rendere questa possibilità uno strumento utile a tutto l’universo femminile». Concretamente la tecnica di criopreservazione è il congelamento degli ovociti prelevati per via vaginale a seguito di stimolazione ovarica.

 

COME AVVIENE LA CRIOPRESERVAZIONE

«Entrando nel dettaglio - prosegue Candiani - si procede con una stimolazione ovarica per 12-14 giorni. Vengono quindi eseguiti periodici monitoraggi ecografici e ormonali della crescita dei follicoli e viene successivamente effettuato, in sedazione e sotto guida ecografia, un prelievo ovocitario transvaginale. Si passa poi al congelamento ovocitario e alla conservazione nella biobanca. È preferibile eseguire la procedura in giovane età perché maggiore è il numero degli ovociti e maggiore è quindi la possibilità di ottenere embrioni da trasferire. Non ci sono comunque limiti per la durata dello stoccaggio degli ovociti nella biobanca».

 

I CENTRI PER LA CRIOCONSERVAZIONE

I riferimenti dei Centri deputati alla preservazione della fertilità si trovano sul sito dell’Istituto Superiore di Sanità. In tutti i casi di malattie e cure che possono compromettere la capacità riproduttiva di un individuo, secondo l’Istituto Superiore di Sanità, è necessario informare i pazienti del possibile danno sulla loro futura fertilità e sulle possibilità per preservarla. Per le donne adulte si può effettuare la crioconservazione di ovociti, embrioni o tessuto ovarico; per le bambine e ragazze prepuberi solo la crioconservazione di tessuto ovarico. 

Sostieni la ricerca scientifica d'eccellenza e il progresso delle scienze. Dona ora.

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare

Paola Scaccabarozzi
Paola Scaccabarozzi

Giornalista professionista. Laureata in Lettere Moderne all'Università Statale di Milano, con specializzazione all'Università Cattolica in Materie Umanistiche, ha seguito corsi di giornalismo medico scientifico e giornalismo di inchiesta accreditati dall'Ordine Giornalisti della Lombardia. Ha scritto: Quando un figlio si ammala e, con Claudio Mencacci, Viaggio nella depressione, editi da Franco Angeli. Collabora con diverse testate nazionali ed estere.   


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina