Chiudi
L'esperto risponde
Redazione

Dopo la chemioterapia si può fare la permanente ai capelli?

pubblicato il 29-10-2021

Per chi ha seguito cure antitumorali con chemioterapia e radioterapia, i capelli si possono arricciare con la permanente? I consigli dell'esperta

Dopo la chemioterapia si può fare la permanente ai capelli?

Può fare la permanente ai capelli chi ha fatto chemioterapia e radioterapia e continua terapia ormonale?

domanda pervenuta dai canali social di Fondazione Umberto Veronesi

 

Risponde la dottoressa Norma Cameli, responsabile Dermatologia Correttiva e Rigenerativa Istituto Dermatologico San Gallicano - IRCCS, Roma

La permanente è un trattamento in cui si utilizzano composti chimici in grado di rompere i ponti disolfuro fra le molecole di cheratina e di riformarne di nuovi che determinano un cambiamento della forma del capello, cioè lo modificano da liscio a riccio.

Questo tipo di trattamento comunque determina una riduzione dei ponti disilfuro, danni alle cheratine del fusto dei capelli ed una riduzione della resistenza del capello di circa il 17%. Oltre ai danni ai capelli, un altro possibile effetto collaterale delle permanenti da non sottovalutare è l’insorgenza di dermatiti allergiche da contatto causate da composti chimici sensibilizzanti utilizzanti comunemente nelle permanenti (tioglicolato di ammonio, gliceril-monotioglicolato).

Nei pazienti oncologici, che hanno effettuato trattamenti chemio e radioterapici e terapia ormonale, è preferibile non effettuare la permanente nei primi mesi di ricrescita dei capelli, per ridurre il rischio di irritazioni e danneggiamento in una fase in cui i capelli sono particolarmente fragili.

Sostieni la ricerca scientifica d'eccellenza e il progresso delle scienze. Dona ora.

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina