Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Ipertrofia prostatica benigna: come comportarsi?

pubblicato il 01-12-2015
aggiornato il 10-04-2017

Risponde Bernardo Rocco, urologo presso l’Ospedale Policlinico di Milano, direttore scientifico internazionale del Global Robotics Institute di Celebration in Florida, membro del board della European Section of Uro-Oncology

Ipertrofia prostatica benigna: come comportarsi?

PER TROVARE RISPOSTA AI TUOI QUESITI, SCRIVI UN'EMAIL A: redazione@fondazioneveronesi.it

Ho 65 anni e godo di buona salute generale. Oltre 20 anni fa mi fu riscontrata una stenosi al collo della vescica che mi dava leggeri problemi di minzione. Il mio urologo fin da allora suggeriva un intervento chirurgico che, considerando gli effetti collaterali, io rifiutai. Mi curai con dei diuretici ma con scarso successo. Da allora non prendo più farmaci. Nel corso degli anni la situazione è evidentemente peggiorata. Attualmente la prima minzione mattutina è molto difficile, migliora nel corso della giornata e credo di non avere residui in vescica a fine giornata. Lo stato della prostata era ed è buono. Quali sono le novità terapeutiche? Cosa mi consiglia di fare?
Luigi


 

PER TROVARE RISPOSTA AI TUOI QUESITI, SCRIVI UN'EMAIL A: redazione@fondazioneveronesi.it


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video