Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

La cannabis è utile per trattare la nausea dopo la chemioterapia?

pubblicato il 20-08-2018

L'utilizzo della cannabis a scopo terapeutico per il trattamento della nausea e del vomito indotti dalla chemioterapia può determinare una buona risposta, anche se esistono già diversi farmaci in grado di aiutare il paziente a gestire questi effetti collaterali

La cannabis è utile per trattare la nausea dopo la chemioterapia?

cannabinoidi sono in grado di contrastare la nausea e il vomito indotti dalla chemioterapia, anche se il loro meccanismo di azione, in questo caso, non è ancora del tutto noto. Numerosi studi hanno valutato il possibile ruolo dei cannabinoidi in questo contesto. I più studiati sono il dronabinolo, un Thc sintetico, e il nabilone, un analogo sintetico del Thc, entrambi con formulazioni orali, mentre più limitati sono i dati con i cannabinoidi per via inalatoria.


È però importante sottolineare alcuni aspetti: con i farmaci attualmente
disponibili per la prevenzione della nausea e del vomito provocati dalla chemioterapia (NK1 antagonisti, steroidi e 5HT3 antagonisti) si riesce a controllare il vomito in oltre il novanta per cento dei pazienti. Proprio per questo, non ci sono studi che abbiano confrontato i cannabinoidi rispetto ai farmaci attualmente indicati. L’uso della cannabis non è quindi raccomandato per la gestione della nausea e del vomito e può eventualmente essere preso in considerazione solo in pazienti refrattari o intolleranti agli altri anti-emetici.


La ideointervista che è segue è un approfondimento sul tema con Vittorio Andrea Guardamagna, direttore dell'unità di cure palliative e terapia del dolore dell'Istituto Europeo di Oncologia di Milano e membro del comitato etico della Fondazione Umberto Veronesi.

CANNABIS: COME USARLA PER GESTIRE
LA NAUSEA DA CHEMIOTERAPIA?


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza