Chiudi
L'esperto risponde

La dieta del digiuno può alterare il ciclo mestruale?

pubblicato il 26-04-2021

La dieta del digiuno intermittente potrebbe inibire l'ovulazione e determinare un'alterazione del ciclo mestruale. Ecco quando è necessario interromperla

La dieta del digiuno può alterare il ciclo mestruale?

Da due mesi ho iniziato la dieta del digiuno intermittente e lo seguo senza alcuna difficolta. Ho adottato il metodo 16:8 ed ho deciso di saltare la cena. Ho 40 anni, godo di buona salute,sono vegetariana e conduco una vita abbastanza attiva, L'unica mia preoccupazione è uno squilibrio del ciclo mestruale, che e sempre stato regolarissimo. L'ho associato al cambio di abitudini alimentari e vorrei capire se e normale e se tornera a normalizzarsi. 

Ivana M. (Oxford)

 

Risponde Elena Dogliotti, biologa nutrizionista e supervisore scientifico di Fondazione Umberto Veronesi

 

Il digiuno intermittente è una pratica di astensione dal cibo per periodi più o meno prolungati. Ci sono molti modi per farlo, tra cui saltare i pasti, digiunare a giorni alterni e accorciare la finestra temporale in cui ci si alimenta durante il giorno.

Ci sono evidenze scientifiche che il digiuno intermittente, se fatto correttamente, potrebbe essere utile in alcuni soggetti per:

  • regolare il glucosio nel sangue

  • controllare i lipidi nel sangue, come i trigliceridi

  • ridurre il rischio di malattia coronarica

  • gestire il peso corporeo

  • aiutare a guadagnare (o mantenere) massa magra

  • ridurre il rischio di cancro e altro ancora

Ma ci sono anche delle evidenze di controindicazioni di questa pratica, che possono comprendere disturbi dell’alimentazione, variazioni nel metabolismo, amenorrea (scomparsa momentanea del ciclo mestruale) e menopausa a esordio precoce.


Gli ormoni che regolano le funzioni chiave, come l'ovulazione, il metabolismo e persino l'umore, sono sensibili all’apporto nutrizionale ed energetico e anche alle variazioni di orario in cui ci si alimenta. Ciò ha a che fare con l’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi: l’ipotalamo stimola le gonadotropine che a loro volta regolano l’ovulazione e le altre fasi del ciclo mestruale. Tale regolazione ipotalamica sembra essere sensibile ai fattori ambientali, tra cui il digiuno.

Per molti anni, gli scienziati hanno creduto che la percentuale di grasso corporeo di una donna regolasse il suo sistema riproduttivo. Quindi, in mancanza di una percentuale adeguata di grasso corporeo, il tuo corpo potrebbe presumere di essere in periodo di carestia e per cui inibire la riproduzione. La situazione è in realtà più complicata di così. I corpi femminili sembrano andare in allerta anche prima che il grasso corporeo diminuisca. Di conseguenza, anche le donne che non sono particolarmente magre, possono smettere di ovulare e perdere il ciclo. Quindi il sospetto è che sia l'equilibrio energetico complessivo - quante calorie stai mangiando rispetto a quante ne stai bruciando - possa essere più importante per questo processo della percentuale di grasso corporeo.

Quando si consuma costantemente meno energia di quella che si spende, si è in un bilancio energetico negativo. Essere in un bilancio energetico negativo è il modo per perdere peso. Quindi è esattamente ciò che molte persone cercano di ottenere con la dieta, ma quando questo è estremo, o dura troppo a lungo nel contesto di altri fattori di stress, potrebbe essere causa di uno squilibrio ormonale che si presenta in alcune donne che digiunano.

Il bilancio energetico negativo non deriva solo dal mangiare meno cibo. Può anche derivare da:

  • cattiva alimentazione

  • troppo esercizio

  • troppo stress

  • malattia, infezione, infiammazione cronica

  • troppo poco riposo e recupero

Combinazioni di fattori di stress potrebbero essere sufficienti per creare squilibri ormonali, compresi quelli psicologici. Gli stress psicologici prolungati nel tempo possono aumentare i livelli di cortisolo, che a sua volta inibisce le gonadotropine.

Le donne possono essere più sensibili ai cambiamenti nell'equilibrio dei nutrienti rispetto agli uomini. Ciò potrebbe essere dovuto alla kisspeptina, una molecola simile a una proteina essenziale nel processo riproduttivo che stimola le gonadotropine in entrambi i sessi ed è molto sensibile alla leptina, all'insulina e alla grelina, ormoni che regolano e reagiscono alle sensazioni di fame e sazietà. Le femmine hanno più kisspeptina rispetto ai maschi. Più kisspeptina può significare che il corpo delle donne è più sensibile ai cambiamenti nell'equilibrio energetico. Rispetto agli uomini, il digiuno fa diminuire più prontamente la produzione di kisspeptina.


In generale, le donne tendono a mangiare meno proteine ??rispetto agli uomini. E di solito, le donne che digiunano mangiano ancora meno proteine. Perché in generale mangiano meno o perché magari saltano la cena, pasto in cui solitamente concentravano la maggior parte delle proteine della giornata. Questo è un problema perché le proteine forniscono amminoacidi, che sono fondamentali per il processo di riproduzione. Se gli amminoacidi diventano troppo pochi, possono influire negativamente sia sui recettori degli estrogeni che su un ormone chiamato fattore di crescita simile all'insulina (IGF-1). Entrambi sono necessari per ispessire l’endometrio (il rivestimento dell’utero) durante il ciclo mestruale. Il digiuno può inibire l'ovulazione. Ad alcune donne potrebbe essere stato detto da medici o altri professionisti della salute di perdere peso prima di rimanere incinta.


Molte donne, quando prendono in considerazione la gravidanza, iniziano a pensare alla propria salute più seriamente e considerano la perdita di peso un passo in questa direzione. Qualunque sia la ragione per considerare il digiuno intermittente, per la maggior parte delle donne, il digiuno intermittente non è il miglior protocollo di perdita di peso da considerare. La scelta migliore per la maggior parte delle donne nella fase riproduttiva della vita, risiede nelle buone abitudini alimentari moderate e sostenibili come quelle di una dieta di tipo mediterraneo. Anche se molti fattori di stress possono fare bene, come l'esercizio fisico, l'apprendimento e un cambiamento di routine, ci rendono più forti solo se hanno una durata limitata e se ci diamo la possibilità di riprenderci/recuperare.

In conclusione, ancora molto rimane da comprendere, in merito. Ma certamente il digiuno non è per tutti. Alcune donne non dovrebbero nemmeno preoccuparsi di tentare questa strada. Non provare il digiuno intermittente se:

  • sei incinta

  • hai una storia di alimentazione disordinata

  • sei cronicamente stressata

  • non dormi bene

È necessario interrompere il digiuno intermittente se:

  • il ciclo mestruale si interrompe o diventa irregolare

  • hai problemi ad addormentarti o a restare addormentato

  • i capelli iniziano a cadere più del solito

  • inizi a sviluppare pelle secca o acne

  • ti accorgi che non ti riprendi facilmente dagli allenamenti

  • le tue ferite sono lente a guarire

  • la tua tolleranza allo stress diminuisce

  • i tuoi stati d'animo iniziano a oscillare

  • il tuo cuore inizia a battere in un modo strano (aritmie)

  • perdi desiderio sessuale

  • la tua digestione rallenta notevolmente

  • ti sembra sempre di sentire freddo

Per qualcuno il digiuno intermittente può avere dei vantaggi ma non siamo tutti uguali, è bene affidarsi sempre ad uno specialista ed evitare il fai-da-te.



Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina