Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Posso fare sport se ho un soffio al cuore?

pubblicato il 02-11-2017
aggiornato il 18-04-2018

Un soffio al cuore non deve necessariamente preoccupare. Se in assenza di patologie cardiache, chi ne soffre può svolgere lo stesso un'attività sportiva.

Posso fare sport se ho un soffio al cuore?

Buongiorno, ho 22 anni e ho scoperto di avere un piccolo soffietto al cuore congenito. Mi hanno che detto che sarebbe necessario curarlo a 45-50 anni, mi sono iscritta in palestra, posso comunque fare sport? Pesi leggeri? Il mio medico di base mi ha detto che non c'é problema.

Rosa F.

(Domanda giunta alla mail redazione@fondazioneveronesi.it)

Risponde Cesare Fiorentini, Direttore Sviluppo Area Clinica, IRCCS Centro Cardiologico Monzino di Milano

 

Cara Rosa, un soffio al cuore, considerata anche la sua giovane età, deve essere approfondito in modo completo e da tutti i punti di vista. Suppongo siano stati già eseguiti alcuni esami strumentali che hanno fornito a un cardiologo gli elementi per definire il suo soffio «piccolo» e «congenito».


Tuttavia, se già non li avesse fatti, consiglierei di eseguire anche un elettrocardiogramma da sforzo e un ecocardiogramma color-doppler. Questi due test infatti sono punti fermi sia per un adeguato approfondimento della la diagnosi, sia per rispondere ai suoi dubbi circa la possibilità di praticare sport.

Il soffio al cuore è il fenomeno, rilevabile dall’orecchio umano, che si crea quando il sangue scorre con un’elevata velocità. Questo può verificarsi perché una valvola del cuore è ristretta (stenosi) o non è in grado di chiudersi correttamente. Si creano così alcune vibrazioni, che vengono trasmesse meccanicamente alla superficie del torace, e il medico percepisce il cosiddetto soffio.


Queste vibrazioni tuttavia possono anche essere ascoltate in assenza di patologia, per esempio se il torace del soggetto è molto sottile, oppure se il sangue scorre velocemente per ragioni contingenti, per esempio durante un episodio febbrile. Si parla in questi casi di soffio «innocente», di frequente riscontro in particolare tra i giovani e non espressione di patologia.


È fondamentale dunque la valutazione del medico, in grado di distinguere il soffio «innocente» da quello patologico, eventualmente servendosi di esami di approfondimento, primo fra tutti l’ecocardiogramma. Una volta accertata l’«innocenza» o la scarsa rilevanza clinica del soffio, non ci sono problemi per l’eventuale pratica sportiva.


Hai anche tu una domanda in tema di salute? Registrati e invia il tuo quesito
con questo link


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza