Chiudi
L'esperto risponde
a cura di Francesca Morelli

Psoriasi: quali farmaci biologici si possono utilizzare?

pubblicato il 26-01-2022

Tag:

psoriasi

I farmaci biologici hanno rivoluzionato il trattamento di molte malattie a partire dal cancro. Questi anticorpi possono essere sfruttati efficacemente anche nella psoriasi. Ecco come

Psoriasi: quali farmaci biologici si possono utilizzare?

Che cosa sono i farmaci biologici per la psoriasi: quando si possono usare, quali sono e come agiscono? Che garanzie di efficacia danno?


Risponde: Prof.ssa Ketty Peris, Professore Ordinario di Dermatologia e Venereologia presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma, Direttore della Unità Operativa Complessa di Dermatologia e Direttore della Scuola di Specializzazione in Dermatologia e Venereologia, Presidente della Società Italiana di Dermatologia - SIDeMaST

I farmaci biologici sono prodotti mediante la tecnologia del DNA ricombinante e consistono in farmaci innovativi utilizzati per il trattamento di diverse patologie cutanee, tra cui la psoriasi a placche moderata-severa e la artropatia psoriasica, ossia una forma di psoriasi cutanea associata ad un interessamento delle articolazioni. Questi farmaci possono essere somministrati anche nelle forme meno gravi di malattia ma con lesioni localizzate su aree molto visibili come il viso o ad esempio sui genitali, avendo quindi un impatto significativo sulla qualità di vita del paziente.

 

In linea generale è importante precisare che prima dei farmaci biologici dovrebbero essere utilizzati altri farmaci tradizionali quali la ciclosporina e il metotressato, rappresentando quindi una terapia di seconda linea. Solo in alcuni casi specifici, ad esempio in presenza di ipertensione non controllata, malattie renali o epatiche, è possibile somministrare ad un paziente il farmaco biologico come prima terapia senza aver effettuato alcuna precedente terapia sistemica.

 

Semplificando molto, possiamo dire che i farmaci biologici agiscono bloccando in maniera selettiva l'attività di determinati "bersagli" (citochine) che sono alla base del processo patogenetico e infiammatorio che porta alla formazione e mantenimento della psoriasi. Esistono attualmente diverse classi di farmaci biologici, ognuna delle quali è diretta contro una particolare citochina (es. TNF-alfa, IL-17 o IL-23) inibendone l’attività; questo ventaglio di opzioni permette anche di poter scegliere la terapia più appropriata per il singolo paziente.

 

La somministrazione del farmaco avviene per via sottocutanea quindi il paziente, una volta istruito sulla modalità di somministrazione, esegue da solo e a domicilio la terapia. I tempi di somministrazione sono molto variabili in relazione alla classe del farmaco (anti-TNFalfa; anti-IL17 o anti-IL23) e possono andare, dopo una fase iniziale, da una somministrazione ogni 1-3 mesi. I tempi di terapia variano in relazione alla gravità della malattia, alla presenza o meno di coinvolgimento articolare e vengono decisi con il paziente stesso. È da notare tuttavia che, essendo la psoriasi una malattia cronica, alla sospensione della terapia la malattia tende a ripresentarsi ed è per questo che molto spesso queste terapie vengono effettuate per tempi molto lunghi, anche di anni.

 

I farmaci biologici sono molto efficaci e possono, dopo poche settimane di terapia, determinare una risoluzione, quindi la scomparsa delle placche psoriasiche sulla pelle, con tassi di risposta molto elevati, fino al 90% dei casi. Ciascuna delle categorie dei farmaci oggi disponibili (anti-TNFalfa o anti-IL 17 o anti-IL23) ha vantaggi e svantaggi, ma in linea generale possiamo dire che sono farmaci molto ben tollerati e molto ben accettati dal paziente.

 

In conclusione possiamo senz’altro affermare che l'introduzione dei farmaci biologici ha rivoluzionato il trattamento della psoriasi permettendo un ottimo controllo della malattia nella maggior parte dei pazienti.

Sostieni la ricerca, sostieni la vita. Dona ora per la ricerca contro i tumori della pelle

La nostra pelle ha un'importanza vitale

La nostra pelle ha un'importanza vitale

Sostieni la ricerca sui tumori della pelle


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina