Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Quando preoccuparsi per la statura dei bambini?

pubblicato il 16-07-2015

Risponde Massimo Agosti, direttore dell’unità operativa nido, neonatologia e terapia intensiva neonatale dell’Ospedale di Circolo Fondazione Macchi di Varese

Quando preoccuparsi per la statura dei bambini?

PER TROVARE RISPOSTA AI TUOI QUESITI, SCRIVI UN'EMAIL A: redazione@fondazioneveronesi.it

Ho un bambino di quattro anni che è alto 98 centimetri: sta crescendo troppo lentamente?

Emma B. (Teramo)

Risponde Massimo Agosti, direttore dell’unità operativa nido, neonatologia e terapia intensiva neonatale dell’Ospedale di Circolo Fondazione Macchi di Varese

Probabilmente la sua preoccupazione deriva dalla lettura delle curve di crescita prenatali, che per l’età di suo figlio indicano un’altezza di 103-104 centimetri e un peso ideale di 16,5-17 chilogrammi. Ma in generale, quando i valori discostano di poco da quelli indicati, non è il caso di preoccuparsi. Le curve forniscono un’indicazione valida per la media, dando per scontato che un bambino sia nato a termine e senza problemi di salute. Piccole oscillazioni sono frequenti, e non necessitano di una medicalizzazione del percorso di crescita.

Ogni bambino attraversa due momenti di crescita rilevante: nei primi due anni e all’inizio dell’età adolescenziale. All’inizio il peso di un neonato raddoppia in sei mesi e triplica al compimento del primo anno di vita. La statura, invece, aumenta di 25 centimetri all’anno, fino ai 24 mesi di vita. Un bimbo di due anni dovrebbe pesare non più di 12,5 chili ed essere alto 76-77 centimetri. A tre il suo peso non dovrebbe essere superiore a 15 chili, con un’altezza di 94-95 centimetri. A quattro anni le curve indicano una statura pari a 103 centimetri, con un peso di 16,5 chilogrammi. In generale oggi ci sono sempre più elementi per affermare che nei primi due si costruisce la salute del futuro adulto. Un’alimentazione completa, cui fa seguito un programma di crescita adeguato, è la base su cui costruire il percorso di prevenzione nei confronti del diabete, delle malattie cardiovascolari e di alcuni tumori

Più che alla bilancia e allo statimetro, conviene prestare attenzione al comportamento del proprio bambino. È importante controllare cosa, quanto e quando mangia: ricordando che è importante consumare cinque pasti al giorno, sin dai primi anni di vita, e mangiare una quantità adeguata di frutta e verdura. Occorre prestare attenzione anche alla frequenza con cui un bambino si ammala: se ciò accade troppo spesso, potrebbe essere la “spia” di un percorso di maturazione deficitario.

Chiudo con un consiglio. Non si preoccupi troppo se, fino ai sette anni di vita, il suo bambino dovesse lamentare dolori alle ginocchia. La causa risiede nel differente sviluppo tra la parte esterna dell’osso (più rapida) e quella interna (più lenta) che provoca lo stiramento di alcuni nervi, responsabile del dolore improvviso, che altrettanto rapidamente svanisce. Il consulto di uno specialista è necessario soltanto se mutano la sede e l’intensità del dolore, che altrimenti è destinato a non lasciare conseguenze nel bambino. 

PER TROVARE RISPOSTA AI TUOI QUESITI, SCRIVI UN'EMAIL A: redazione@fondazioneveronesi.it


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza