Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Neuroscienze

Quando la depressione può essere fatale negli adolescenti

pubblicato il 09-01-2013
aggiornato il 05-07-2017

Una ricerca quantifica quanti ragazzini colpiti da disturbo depressivo bipolare cerca di togliersi la vita: addirittura 1 su 5. Difficile distinguere tra segni del'età difficile e sintomi di malattia. Primo passo: lo psichiatra che fa la diagnosi, poi la scelta della cura. Spesso con stabilizzatori dell'umore

Quando la depressione può essere fatale negli adolescenti
 

Di 413 ragazzini di età media di 12 anni (dunque, molti, proprio bambini) ben uno su cinque tenta almeno una volta il suicidio. Responsabile: il disturbo bipolare. Quella depressione che si alterna a stati di euforia (mania) o si sposa nei giovanissimi con intensa irritabilità. Diagnosticata solo raramente, ma anche allora spesso malcurata: infatti oltre la metà dei ragazzi e ragazze presi in esame dai ricercatori stavano assumendo psicofarmaci quando hanno compiuto quel gesto estremo che, per chi non è del mestiere, mai ci si aspetterebbe a quell’età».


Tumori: cosa ne sanno e ne pensano gli adolescenti italiani?

ADOLESCENZA POCO STUDIATA

«Evidentemente la cura che stavano seguendo non era tale da fermarli da azioni autolesive», ha commentato Paola Clayton, direttore medico dell’American Foundation for Suicide Prevention. «O troppo forte, o troppo debole, o semplicemente sbagliata. Per cui, dinanzi a un tentativo di suicidio, penso che occorra rivedere radicalmente la terapia». «Il che non è molto facile», interviene Giuseppe Maina, professore associato di Psichiatria all’Università di Torino, «perché sono davvero pochi gli studi farmacologici sull’adolescenza: resistenza etica e stigma sociale dissuadono dal condurli. E, invece, usando buon senso e senso scientifico si possono curare i ragazzi, e anche i bambini, con buoni risultati. Accade, invece, che, appena un minore mostra problemi, si pensa sempre e solo allo psicologo. Ma anche la psicoterapia può avere controindicazioni».

PSICOTERAPIE RISCHIOSE 

Questa possibilità non è compresa nell’opinione corrente. «Al peggio, male non fa», si pensa comunemente delle varie terapie della parola. Proprio il nuovo studio americano, condotto alla Western Psychiatric Institute and Clinic dell’Università di Pittsburgh e guidato dalla dottoressa Tina Goldstein, indica tra i fattori di rischio un prolungato o reiterato ricorso a visite e terapie psicologiche. Possibile? «Evidentemente sì», risponde Maina, «o perché il tipo di trattamento praticato è incongruo o forse, e soprattutto (lo studio non specifica), se la psicoterapia è scelta in alternativa all’impiego di farmaci. E’ vero che in questi giovanissimi pazienti bisogna ricorrere agli antidepressivi con cautela, ma si possono impiegare gli stabilizzatori dell’umore, che sono le sostanze d’elezione per fermare il saliscendi dell’umore su e giù». Per esempio quali? «Sali di litio, acido valproico, lamotrigina, carbamazepina». Altri segni premonitori di un possibile tentativo di suicidio in un bambino o giovanissimo riscontrati dallo studio americano (che è stato condotto seguendo i giovani nell’arco di 5 anni) figurano: un esordio grave della depressone,  una storia di depressione in famiglia, l’uso di droghe, sintomi di umore misti (stati misti).


NON SOTTOVALUTARE I SEGNALI 

Professor Maina, che cosa si può suggerire a chi ha figli giovani “disturbati”? «L’adolescenza, che comunemente viene definita età difficile, lo è anche da interpretare sotto il profilo diagnostico. Le stranezze dei ragazzi possono sembrare sintomi di crescita, disturbi prodotti appunto dall’età», dice il professor Giuseppe Maina. Che consiglio dare a genitori di un figlio giovanissimo che diventa “strano”? «Anche se i segni sono lievi, non vanno sottovalutati», è la risposta.« Bisogna intervenire, ma non correndo subito dallo psicologo. Occorre uno specialista che faccia la diagnosi. Solo dopo viene la scelta della cura. Se lo psichiatra dice che non c’è disturbo bipolare, che  si tratta di una crisi adolescenziale, allora può essere indicata una cura psicologica. Ma se la diagnosi è di disturbo bipolare, altro è l’intervento, come abbiamo già detto». Aggiungiamo che va ricordato che la depressione bipolare è quella a più alto tasso di suicidio e che il suicidio è la seconda causa di morte, dopo gli incidenti stradali, tra ragazzini e giovani.


Serena Zoli
Serena Zoli

Giornalista professionista, per 30 anni al Corriere della Sera, autrice del libro “E liberaci dal male oscuro - Che cos’è la depressione e come se ne esce”.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video