Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Oncologia

Cancro alla cervice: l'importanza del vaccino

pubblicato il 12-12-2011
aggiornato il 28-03-2017

La prevenzione primaria passa anche dai vaccini. E' il caso del cancro della cervice, facilmente prevenibile grazie alla scoperta di Harald Zur Hausen, nobel per la Medicina 2008

Cancro alla cervice: l'importanza del vaccino

La prevenzione primaria passa anche dai vaccini. E' il caso del cancro della cervice, facilmente prevenibile grazie alla scoperta di Harald Zur Hausen, Nobel per la Medicina 2008

La conferenza e il programma

Le interviste

«Prevenire alcune forme di cancro attraverso lo sviluppo di vaccini è possibile». A dirlo è direttamente il professor Harald Zur Hausen, premio Nobel per la Medicina del 2008, intervenuto all'evento “Science for Peace” organizzato dalla Fondazione Umberto Veronesi.

Con la sua scoperta, ovvero che il Papilloma virus umano (HPV) è una delle cause del cancro alla cervice, il medico e virologo tedesco ha spianato la strada verso lo sviluppo dei vaccini in campo oncologico.

I NUMERI

Nell’arco degli ultimi trent’anni, fino al 21% dell’incidenza dei tumori a livello globale risulta legata a eventi infettivi che coinvolgono specifici agenti virali, batterici e parassitici.

«In particolare -spiega Zur Hausen- la scoperta del ruolo del virus dell’epatite B nel carcinoma epatocellulare e dell’elevato rischio rappresentato dall' HPV nei tumori della cervice, dell’area ano-genitale e quelli orofaringei ha innescato nuove tipologie di approccio alla prevenzione del cancro attraverso la vaccinazione».

Infatti i dati parlano chiaro: un’applicazione di questi vaccini a livello globale potrebbe teoricamente ridurre il rischio tumorale femminile del 12-15% e quello maschile del 4-5%. 

DIFFICOLTA' DI ACCESSO

Il cancro della cervice è uno dei tumori più comuni nelle donne nei paesi in via di sviluppo. Addirittura è più comune rispetto a quello del seno.

Il vaccino attualmente disponibile può prevenire tra il 70% e l'80% dei carcinomi del collo dell'utero se somministrato prima dell'inizio dell'attività sessuale. Purtroppo però questa strategia è ancora molto costosa e questi paesi non possono assolutamente permettersela.

PAESI INDUSTRIALIZZATI

Ma la situazione non è rosea nemmeno per quanto riguarda gli stati che se lo possono permettere. «In quei paesi dove il vaccino è maggiormente accessibile -continua Zur Hausen- nonostante gli ottimi risultati, c'è ancora molto strada da percorrere. Non tutti infatti percepiscono il beneficio di tale trattamento.

Per sensibilizzare ancor di più la popolazione è particolarmente significativo il ruolo di figure come il Ministro competente della Sanità, dei direttori sanitari, dei medici, degli insegnanti e infine dei genitori. Solo attraverso il coinvolgimento di tutti questi soggetti sarà possibile ottenere il massimo risultato».

Particolarmente significativo è il confronto tra Australia e Austria. Nella prima nazione viene vaccinato l'80% della fascia di popolazione che dovrebbe sottoporsi. Nella seconda solo il 5%.

VACCINO ANCHE PER I MASCHI

Come fare dunque prevenzione? «L'ideale è che il vaccino venga somministrato nella fascia di età tra i 9 e i 12 anni sia nelle femmine che nei maschi. Sono loro l'anello debole della catena che permette il propagarsi dell'infezione» spiega Zur Hausen.

Detto ciò però non dobbiamo dimenticare che il vaccino non è la sola soluzione. Oltre ad esso è estremamente importante perseguire una corretta educazione, che naturalmente non può che riferirsi esclusivamente al vaccino. «Fumo di tabacco, consumo elevato di alcol, l'obesità e l'esposizione eccessiva al sole sono solo alcuni dei fattori.

La prevenzione è un punto fondamentale che non va per nulla trascurato» conclude Zur Hausen.

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito di Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano – con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi- ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Da non perdere

News dalla Fondazione Eventi Iniziative editoriali Il meglio dai Blog Video