Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
Oncologia

Ecco tutte le stupide credenze sul tumore

pubblicato il 01-10-2012

In fatto di cancro sono ancora troppi i falsi miti a cui molti credono: dai cellulari all’inquinamento. Confusione tra fattori di rischio genetici e modificabili. A sbagliare sono anche i medici

Ecco tutte le stupide credenze sul tumore

In fatto di cancro sono ancora troppi i falsi miti a cui molti credono: dai cellulari all’inquinamento. Confusione tra fattori di rischio genetici e modificabili. A sbagliare sono anche i medici

VIENNA- Alcune convinzioni sono proprio dure a morire. L'avreste mai detto che sono ancora in molti a credere che gli indumenti stretti causano il cancro? Eppure, secondo uno studio presentato in occasione del congresso europeo ESMO (European Society of Medical Oncology) di Vienna, c'è chi ancora la pensa in questo modo. Ecco perchè è sempre più pressante la necessità di una corretta informazione medico-scientifica.

PREVENZIONE- Come dichiara il professor Hans-Jorg Senn della Saint Gallen Univerity (Svizzera), uno degli autori dello studio, «In campo medico una delle più grandi sfide del futuro è quella che riguarda la sensibilizzazione dell'opinione pubblica in materia di prevenzione primaria. Dai nostri dati emerge chiaramente un serio problema di conoscenza. Eppure molte forme di cancro potrebbero essere evitate seguendo poche e semplici regole». I consigli sono sempre i soliti: corretta alimentazione, stop al fumo di sigaretta e attività fisica ridurrebbero in maniera significativa l'incidenza del cancro.

LA GENETICA- Nonostante questi messaggi siano all'ordine del giorno è molto diffusa la credenza che il cancro sia dovuto in gran parte a fattori genetici non modificabili. In più del 90% delle persone intervistate per lo studio, alcuni addirittura addetti ai lavori, emerge chiaramente questa poco veritiera convinzione. Per contro viene ampiamente sottostimato il ruolo dell'obesità, dell'alcool e del fumo nella genesi dei tumori. Addirittura un 15% crede che i fattori di rischio non siano modificabili.

PIU' INFORMAZIONE- «Tra i “falsi miti” più diffusi -dichiara Dereck Power, oncologo della Mercy and Cork University Hospital (Irlanda)- vi è la credenza che allattamento al seno, stress, utilizzo dei telefoni cellulari, abiti stretti e inquinamento atmosferico siano le principali cause di insorgenza di neoplasie». Per contro, alla domanda su come limitare il rischio, il 27% ha risposto che adotterebbe una dieta detossificante. Ma il dato sbalorditivo riguarda il cibo: ben il 67% degli intervistati crede che il cibo biologico sia la via per non ammalarsi di cancro. Ecco spiegata dunque la necessità oggi più che mai di una corretta informazione sulla salute.

Daniele Banfi

@danielebanfi83


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza