Chiudi
Pediatria
Serena Zoli

Orfani per il Covid-19 1,5 milioni di bambini

pubblicato il 30-08-2021

Indagine in 21 paesi: ad aprile 2021 un milione e mezzo di bambini aveva perso a causa del Covid-19 un genitore o un nonno che si prendeva cura di loro

Orfani per il Covid-19 1,5 milioni di bambini

Tra i grandi problemi che la pandemia di Covid-19 si è lasciata e si sta lasciando dietro ci sono gli orfani. Una moltitudine. Si incarica uno studio pubblicato sulla prestigiosa rivista The Lancet di quantificarli: almeno un milione quelli che hanno perso o un genitore o ambedue e un altro mezzo milione che hanno perso chi si occupava di loro in prima istanza come i nonni “affidatari” o, in qualche caso, un parente. Per un totale di orfani “reali” di un milione e mezzo.

DATI PARZIALI

Le cifre sono globali, ma non raccolgono tutti i casi di nuovi orfani in quanto sono state calcolate solo in 21 paesi, tra il 1° marzo 2020 e il 30 aprile 2021. I morti per Covid negli stati considerati costituiscono il 76 per cento del totale delle vittime del virus. Vittime dirette della malattia o indirette, come per esempio chi ha pagato il non aver potuto seguire le proprie cure a causa dei lockdown o delle limitazioni ai servizi sanitari.

I NONNI IN PRIMA FILA DI 60-84 ANNI

Accanto ai genitori nella ricerca figurano i nonni che spesso curano i nipoti: primary caregivers. In quest’accezione sono stati considerati i nonni – conviventi – di età tra 60 e 84 anni. I paesi dove si sono registrati più orfani (anche di un solo genitore o di chi li curava) sono Sudafrica, Perù, Stati Uniti, India, Brasile e Messico. Il picco più grave in Perù dove un bambino su 100 ha perso una delle persone che lo curava. La perdita del padre è risultata più alta di quella della madre da 2 a 5 volte.

IL LUTTO E I DISTURBI PSICHIATRICI

Il dramma di simili lutti in età infantile e giovanile è densa di gravi conseguenze e tante sono le necessità cui anche le autorità devono far fronte, caricandosi di interventi a tutto tondo. Sono le preoccupazioni avanzate da chi ha condotto lo studio. La dottoressa Susan Hillis, che fa parte dei Centri per il controllo delle malattie e di prevenzione del Covid-19 (Usa), aggiunge: «Oltretutto il virus può portare alla morte in tempi brevi, poche settimane, e le famiglie hanno ben poco tempo per cercare di preparare i bambini a un evento così devastante». I ricercatori, provenienti anche dalla Oxford University, Harvard Medical School, Organizzazione mondiale della Sanità, avanzano preoccupazioni sui possibili disturbi psichiatrici e abuso di sostanze che possono incombere su chi ha perso in così giovane età una figura portante del suo sviluppo e della famiglia. E mettono in guardia pure dal rischio di ricovero in istituti per orfani. In totale i morti da imputare alla pandemia sono 4 milioni, in maggior parte uomini (da cui la più diffusa perdita di padri).

Sostieni la ricerca, sostieni la vita. Dona ora

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare

Serena Zoli
Serena Zoli

Giornalista professionista, per 30 anni al Corriere della Sera, autrice del libro “E liberaci dal male oscuro - Che cos’è la depressione e come se ne esce”.


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina