Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora

Ricerca per tag :
arresto cardiaco


Il fumo aumenta i rischi della radioterapia

20-04-2017

Una ricerca su donne sottoposte a radioterapia per tumore al seno mostra nelle fumatrici un rischio molto più alto di effetti avversi per i polmoni e per il cuore. Gli esperti: stop al fumoalmeno tre giorni prima della prima seduta

Tracce di materiale genetico nel sangue per predire l’esito di un arresto cardiaco

16-08-2016

I livelli di microRNA possono indicare il danno neurologico e la sopravvivenza dopo un arresto cardiaco. E permettere cure e personalizzate

Arresto cardiaco, sopravvivenza ridotta per le donne

13-07-2016

Donne meno colpite degli uomini, ma anche più «trascurate» dagli specialisti. La rianimazione cardiopolmonare resta la manovra salvavita, ma contro l’arresto cardiaco utile anche l’ipotermia terapeutica

Farmaci e cardiologia: le donne rischiano il doppio

13-04-2016

Più effetti avversi per le "signore" dopo un infarto. Flavia Franconi, farmacologa: «La fisiologia femminile è ancora meno conosciuta». A Matera un convegno sulla medicina di genere

Nelle donne l’arresto cardiaco è ancora trascurato

08-03-2016

Le malattie cardiovascolari non sono una prerogativa maschile. Rianimazione cardiopolmonare e difibrillatore: ecco come un intervento precoce può salvare la vita

«Ecco come detossificarsi senza distruggere il proprio corpo»

20-01-2015

Dopo il caso dell'uomo morto di fame a Ivrea, i consigli per "ripulire" l'organismo in maniera equilibrata. Via libera al consumo di frutta e verdura

La cocaina quadruplica il rischio di morte improvvisa

29-12-2014

Uno studio basco dimostra come lo stupefacente abbia un ruolo nella insorgenza di fenomeni cardiovascolari. Più alto è anche il rischio di ictus

Disco Science o Bee Gees? La musica giusta per far ripartire un cuore

27-12-2011

Un brano può aiutare i soccorritori a mantenere il giusto ritmo nel massaggio cardiaco. L’esperto: quel che conta è che con defibrillatori e una persona su 20 capace di praticare le manovre si salverebbero 15-20mila vite l’anno