Altre News
Redazione

9 tappa: San giorgio del S.-Frosinone 166 KmPrevenzione «al maschile», ecco cosa si può fare

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

pubblicato il 30-07-2012

Maschi, ecco come potete prevenire impotenza, infertilità e malattie sessuali: dite no a fumo, troppo alcol, droghe e sostanze dopanti

9 tappa: San giorgio del S.-Frosinone 166 KmPrevenzione «al maschile», ecco cosa si può fare

Oggi il Giro arriva nel Lazio, sede della Società Italiana di Andrologia. Per questa ragione parliamo di prevenzione al maschile: ecco come poter prevenire impotenza, infertilità e malattie sessuali. Basta dire no a fumo, troppo alcol, droghe e sostanze dopanti

In medicina la prevenzione ha il fine di promuovere la salute e il benessere individuale e collettivo. In andrologia questo significa tutelare la salute sessuale e riproduttiva maschile, in tre mosse: individuazione precoce di anomalie a livello dell’apparato genitale, che sono in grado di influenzare negativamente la fertilità e la sfera sessuale nell’età adulta; informazione sulle malattie sessualmente trasmesse e sulle tecniche grazie alle quali è possibile prevenire il contagio; conoscenza di quegli stili di vita che hanno effetti negativi sulla funzione dell’apparato riproduttivo.

I fattori ambientali potenzialmente dannosi sono sostanze chimiche come il DDT o pesticidi, le polveri sottili, il piombo e l’ossido di carbonio presenti nell’aria e in molti cibi, che possono aumentare il rischio di malformazioni, tumori e alterare la qualità del liquido seminale. Comportamenti sessuali scorretti (legati a rapporti occasionali e senza l’uso del preservativo), il sovrappeso, oppure l’uso di alcol, fumo, droghe e sostanze dopanti sono responsabili di una riduzione della fertilità maschile, alterano la sintesi degli ormoni sessuali e aumentano i rischi di sviluppare disfunzione erettile in futuro.

Non tutti sanno, poi, che la gonade maschile attraversa dall’epoca intrauterina un processo di sviluppo delicatissimo e che per questo la maggior parte delle patologie maschili ha dall’esposizione a sostanze dannose durante le prime fasi della vita o da comportamenti scorretti acquisiti nell’infanzia e adolescenza.

Nella pratica clinica esiste un’età ottimale per la diagnosi precoce di ogni patologia.  Al momento della nascita le anomalie genetiche eventualmente presenti possono interessare i testicoli o l’asta.  Per questo la prima visita andrologica andrebbe fatta nei bambini.

Durante la pubertà e l’adolescenza con la prevenzione secondaria è necessario verificare che non ci siano alterazioni dello sviluppo ed escludere  la presenza di anomalie scrotali o del pene, legate ad eventuali  patologie (come il varicocele, il tumore testicolare, il recurvatum congenito del pene) o a malattie sessualmente trasmissibili.

Anche in questo caso è importante fare una visita andrologica, che non differisce sostanzialmente da una normale visita medica: si raccolgono informazioni sullo stato di salute del paziente e sulle malattie pregresse, si fa una visita clinica e si ricorre, se serve, eventuali accertamenti diagnostici strumentali (esempio ecografie, esami di laboratorio od altro).

La prevenzione maschile può ridurre del 50 per cento l’insorgenza delle patologie andrologiche e delle complicanze ad esse associate. Per questo motivo la figura dell’andrologo dovrebbe essere equiparata a quella del ginecologo per le donne (da vedere almeno una volta all’anno), evitando così che le problematiche vengano affrontate sempre e solo quando diventano eclatanti. In Italia, nello specifico, si è registrato negli ultimi anni un preoccupante incremento delle affezioni andrologiche probabilmente proprio a causa della scarsa prevenzione e dell’abolizione della visita di leva, che in passato costituiva una forma di screening su larga scala.

Tra le malattie più frequenti ci sono il criptorchidismo (3-5 per cento dei bambini nati a termine) e la fimosi in età infantile. In età giovanile i tumori del testicolo, che colpiscono i giovani tra i 15-20 e i 35-40 anni e il varicocele (interessa 10-20 per cento dei ragazzi).
 

Le malattie sessualmente trasmissibili, poi, colpiscono ogni anno 350 milioni di ragazzi nel mondo (senza considerare l’HIV) e una delle categorie più a rischio nel mondo è proprio quella dei giovani adolescenti.  C’è poi l’infertilità che, secondo l’Organizzazione Mondiale di Sanità, riguarda circa il 15 per cento delle coppie in età riproduttiva nei Paesi occidentali e nel 35 per cento delle coppie si riconosce un fattore maschile. Disturbi legati alla sfera della sessualità, infine, quali disfunzione erettile ed eiaculazione precoce riguardano circa 5 milioni di italiani.
Il trattamento per i vari disturbi può essere medico (con farmaci) o chirurgico a seconda dei casi, ma ciò che importa è affidarsi sempre a mani esperte e competenti.

Andrea Lenzi

andrologo, Direttore del Dipartimento di Fisiopatologia Medica, Università di Roma La Sapienza

 Sostieni la ricerca, sostieni la vita. Dona ora per la ricerca contro i tumori maschili

La ricerca ha bisogno di te

La ricerca ha bisogno di te

Sostieni la ricerca,
sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina