Da non perdere
Daniele Banfi

HIV: diagnosi dimezzate per la pandemia. 6 su 10 in fase avanzata

pubblicato il 01-12-2021

Tag:

aidsHIV

Diagnosi in calo ma l'effetto è dovuto alla pandemia. La scarsa consapevolezza porta a diagnosi sempre più tardive. L'HIV non è affatto scomparso

HIV: diagnosi dimezzate per la pandemia. 6 su 10 in fase avanzata

Celebrare la Giornata Mondiale contro l'AIDS non è affatto anacronistico. Il virus HIV infatti non è affatto un lontano ricordo. Secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità, in Italia nel 2020 si sono dimezzate le nuove diagnosi di sieropositività -un calo dovuto principalmente alla pandemia-. Ma ciò che preoccupa sono le tempistiche: 6 diagnosi su 10 avvengono in fase avanzata

Covid-19 ancora più pericolosa nelle persone con HIV

Covid-19 ancora più pericolosa nelle persone con HIV

19-07-2021
HIV E AIDS: LE DIFFERENZE

L’AIDS è una patologia causata dalla presenza del virus HIV. Quest’ultimo, infettando in maniera specifica le cellule del sistema immunitario, rende le persone affette più vulnerabili a molte malattie che generalmente, nelle persone sane, non creano particolari problemi. Essere sieropositivi per l'HIV vuol dire essere entrato in contatto con il virus. Questo però non significa che necessariamente si svilupperà l'AIDS. Di fondamentale importanza per evitare che ciò si verifichi -compromettendo così il sistema immunitario- è seguire una terapia farmacologica.

LE CURE FUNZIONANO

Sino agli anni '90 una diagnosi di sieropositività equivaleva ad una condanna. Oggi grazie allo sviluppo di farmaci in grado di agire sui meccanismi che il virus mette in atto per replicarsi l'aspettativa di vita media di una persona sieropositiva, se trattata precocemente, è del tutto paragonabile a quella di un individuo sano. A differenza di 15-20 anni fa, dove la persona "infetta" doveva assumere sino a 15 compresse al giorno, oggi tutto può essere condensato in un'unica compressa. Non solo, a differenza dei primi antiretrovirali, oggi la tossicità di questi farmaci è pressoché assente. Grazie all'avvento di queste molecole sono state e continuano ad essere milioni le vite salvate negli anni.

HIV: da una compressa al giorno ad un'iniezione al mese

HIV: da una compressa al giorno ad un'iniezione al mese

30-03-2020
I NUMERI IN ITALIA

Nel 2020, sono state segnalate 1303 nuove diagnosi di infezione da HIV, un numero ancora più ridotto rispetto ai casi già in progressiva diminuzione osservati negli ultimi dieci anni. «Rispetto al 2019 -psigea Barbara Suligoi, responsabile del Centro Operativo AIDS dell'ISS- il numero di nuove diagnosi HIV del 2020 è quasi dimezzato e questo è molto probabilmente da ricondurre alla pandemia da Covid-19 e alle conseguenti restrizioni di circolazione e di aggregazione». Iniziare le terapie in tempo è fondamentale per bloccare la progressione del virus e lo sviluppo della malattia. Eppure nel nostro Paese da tempo cominciamo ad assistere a diagnosi sempre più tardive. «6 su 10 nuove diagnosi di HIV -prosegue l'esperta- vengono identificate in ritardo, cioè in persone con una situazione immunitaria gravemente deficitaria o addirittura già con sintomi di AIDS. Questo ritardo pregiudica l’efficacia delle terapie antivirali». Non solo, le persone con diagnosi tardiva possono aver involontariamente trasmesso l’HIV ad altre persone, contribuendo così ad alimentare un "sommerso" di casi non ancora diagnosticati che in Italia si aggira intorno alle 13-15 mila persone.

LE NUOVE DIAGNOSI

Per quanto riguarda le nuove diagnosi, la quasi totalità dei casi (88%) è da attribuire a rapporti sessuali: maschi che fanno sesso con maschi (MSM) per il 46% e rapporti eterosessuali (maschi e femmine) per il 42%. Tra i maschi, più della metà delle nuove diagnosi HIV è in MSM. La fascia d’età 25-29 anni è quella con la maggiore incidenza, più che doppia rispetto all’incidenza totale (5,5 vs. 2,2 nuovi casi per 100 mila residenti). Dato da cui si evince quanto la percezione sulla circolazione dell'HIV sia molto bassa nella popolazione generale e in particolare tra i giovani.

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito della Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano - con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi - ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina