Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Le protesi al seno aumentano il rischio di ammalarsi?

pubblicato il 29-04-2016
aggiornato il 07-11-2017

Le risposte dal manuale "Tumore al seno" scaricabile gratuitamente dal nostro sito (previa iscrizione)

Le protesi al seno aumentano il rischio di ammalarsi?

L’impianto di una protesi a seguito di un intervento per la rimozione di un tumore al seno può aumentare il rischio di incorrere in un raro tumore chiamato linfoma anaplastico a grandi cellule. Tuttavia si tratta di un rischio bassissimo. Il linfoma origina dalla capsula intorno alla protesi (più frequentemente da quelle in silicone che saline). In quel tessuto può insorgere un’infiammazione cronica che altera il normale metabolismo delle cellule. Si tratta di una neoplasia piuttosto aggressiva ma per cui esistono trattamenti.

Soprattutto, però, si tratta di un tumore molto raro: nel 2014 nel mondo si sono contati meno di duecento casi di linfoma anaplastico a grandi cellule a fronte di milioni di donne che vivono con una protesi al seno. L’impianto di una protesi al seno, dunque, è una procedura sicura, anche perché tutte le donne che hanno protesi mammarie effettuano già regolarmente un controllo annuale con ecografia mammaria che può identificare precocemente eventuali anomalie.

PER SCARICARE IL MANUALE COMPLETO, ISCRIVITI AL SITO E POI CLICCA QUI


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza