Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Extrasistole: oltre quale valore occorre preoccuparsi?

pubblicato il 07-03-2018
aggiornato il 18-04-2018

L'extrasistole è la forma più diffusa di aritmia cardiaca. Nella maggior parte dei casi non causa danni particolari, ma in alcune occasioni è necessario chiedere il consulto di un cardiologo

Extrasistole: oltre quale valore occorre preoccuparsi?

L'extrasistole è la forma di aritmia più diffusa. Nella maggior parte dei casi le extrasistoli, che possono riguardare sia gli atri sia i ventricoli del cuore, non causano danni o disturbi particolari. Sono spesso asintomatiche e possono insorgere in individui sani, senza cause apparenti, o soprattutto a seguito di cardiopatie esistenti o per effetto di stress, consumo eccessivo di bevande contenenti caffeina come per esempio caffè o energy drink.

Ma oltre quale limite dell'alterazione del ritmo cardiaco occorre preoccuparsi? La risposta è di Gianfranco Parati, direttore del dipartimento di scienze mediche e riabilitative a indirizzo cardio-neuro-metabolico dell'Irccs Ospedale San Luca-Istituto Auxologico Italiano di Milano.

EXTRASISTOLE: QUANDO PREOCCUPARSI? 

 

 


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza