Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Perché con la menopausa aumenta il rischio di avere l'osteoporosi?

pubblicato il 25-01-2018
aggiornato il 04-04-2018

La carenza di estrogeni contribuisce alla perdita della massa ossea e all'osteoporosi. I consigli per vivere al meglio la menopausa nel nostro quaderno

Perché con la menopausa aumenta il rischio di avere l'osteoporosi?

Le donne costruiscono il loro patrimonio osseo fino all’età di 20 anni e tendono a mantenerlo costante durante tutta la vita fertile. Quando inizia la menopausa, inizia anche a diminuire la massa ossea: la carenza di estrogeni condiziona in modo significativo il processo di rimodellamento osseo, cioè il processo attraverso il quale l'osso vecchio viene rimpiazzato dal nuovo, in un continuum che ha l’obiettivo di mantenere l’osso sano. Il rimodellamento interessa tutte le superfici dell’osso, ma soprattutto la parte più interna.


In condizioni normali, la porzione di nuovo osso sintetizzato durante il rimodellamento è esattamente uguale a quello rimosso. Mentre con la menopausa si assiste a una perdita del 2-3 per cento l’anno, che interessa soprattutto la parte interna dell’osso. Per questo, dopo pochi anni, ci può essere, oltre alla perdita di massa ossea, anche un cambiamento di conformazione scheletrica generale, con una maggior fragilità ossea e un conseguente aumento del 50 per cento del rischio di fratture.


Si tratta di fare i conti con ossa non più giovani, ma non solo. Dato che gli estrogeni controllano anche l’assorbimento del calcio a livello intestinale, dopo la menopausa anche questo risulta ridotto, con conseguente maggiore utilizzo del calcio depositato a livello scheletrico per mantenere il livello di calcio nei limiti di norma. Quest’ulteriore modificazione concorre all’impoverimento della massa ossea. È fondamentale, quindi, che ogni donna accumuli una massa ossea adeguata durante la vita fertile per affrontare l’età della menopausa in condizioni ottimali: così, per la stragrande maggioranza delle donne, l’impoverimento fisiologico condizionato dalla menopausa non diventerà una patologia.


Cosa fare per costruirsi una struttura ossea capace di resistere alle difficoltà della menopausa? Basta poco: seguire un’alimentazione sana ed equilibrata e praticare attività fisica in modo regolare. È anche possibile valutare se l’impoverimento della massa ossea sfocia in problematiche di salute attraverso esami strumentali molto comuni, come la mineralometria ossea computerizzata, o MOC, grazie alla quale è possibile diagnosticare una riduzione della massa ossea e osteoporosi da menopausa. Anche in questo caso è sempre bene chiedere consiglio al proprio medico di fiducia o a uno specialista, in grado di fornire una consulenza personalizzata sulle singole esigenze della donna.

Per saperne di più sulla menopausa, iscriviti al sito
e scarica gratuitamente il quaderno.

 


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza