Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Perché non esiste ancora uno screening per il tumore dell'ovaio?

pubblicato il 13-09-2018
aggiornato il 11-10-2018

Le tecniche diagnostiche a disposizione oggigiorno non permettono di identificare un tumore in maniera univoca. Ma la ricerca va avanti: ecco le prospettive

Perché non esiste ancora uno screening per il tumore dell'ovaio?

A oggi purtroppo non esiste uno screening per i tumori dell’ovaio che
abbia una validità riconosciuta come per altri tipi di screening (mammografia, Pap test, ricerca del sangue occulto nelle feci). Questo perché, per le ovaie, le tecniche diagnostiche a disposizione oggigiorno non permettono di identificare un tumore in maniera univoca.


Si tratta di organi interni più difficili da valutare mediante ecografia transvaginale rispetto all’utero e il marcatore ematico (CA125) utilizzato per individuare l’insorgenza di eventuali masse tumorali ovariche può innalzarsi anche in caso di lesioni benigne, gravidanze o mestruazioni e, viceversa, non si alza significativamente in tutti i tumori ovarici, soprattutto nelle fasi iniziali.


Tuttavia al momento è in corso di verifica l’efficacia di un possibile screening basato su ecografia transvaginale e misurazione del marcatore CA125, per valutare se la combinazione dei due approcci possa fornire un effettivo beneficio nella diagnosi precoce per tante donne.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza