Chiudi
L'esperto risponde
Redazione

Proteggere l'ambiente con le scelte alimentari: come si fa?

pubblicato il 16-04-2022

Poche semplici regole per ridurre l'impronta ecologica della nostra dieta, dal consumo di carne alla spesa anti-spreco

Proteggere l'ambiente con le scelte alimentari: come si fa?

Come posso prendermi cura quotidianamente della mia salute e di quella dell’ambiente con le mie scelte a tavola? Una dieta sana e sostenibile dipende dalle singole scelte che compiamo ogni giorno e, anche se può sembrare strano, ciò che scegliamo di mettere nel piatto può influenzare l’inquinamento di acqua e suolo e persino la deforestazione.

Download

REGISTRATI

per scaricare o sfogliare il materiale

Alimentazione e salute. Le risposte scientifiche a domande frequenti

CONTENUTO PLUS

Contenuto
Plus

Sei già registrato? ACCEDI

TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

Per esempio, la scelta di ridurre il consumo di carni (soprattutto di origine bovina), latte e latticini permette di ridurre la nostra personale impronta di carbonio – il nostro contributo alla produzione di gas serra – di circa due terzi. Un cambiamento piccolo se riferito a un singolo individuo, ma con una potenzialità enorme se riportato in uno scenario globale dove tutti compiono scelte sane e sostenibili.

Dal punto di vista pratico si tratta in estrema sintesi di consumare più frutta e verdura, meno carne e zuccheri. Oltre a queste indicazioni è opportuno evitare o limitare notevolmente l’utilizzo di prodotti industriali elaborati (per esempio burger vegetariani).

Un esempio può aiutare a capire meglio. Una dieta giornaliera bilanciata in termini di macronutrienti (proteine, grassi e carboidrati) e di circa 2.000 chilocalorie ha un peso sull’ambiente estremamente diverso se contiene o non contiene carne. Nel caso di un menù vegetariano infatti, l'impronta ecologica (17,3 m2 globali), l'impronta idrica (2.793 litri) e l'impronta di carbonio (2.549 g CO2eq) quasi si dimezzano rispetto a quelle calcolate in un menù con la carne (rispettivamente 30,9 m2 globali, 4.672 litri e 5.803 g CO2eq).

E poi attenzione alla spesa. Leggendo con occhio vigile le etichette è possibile ottenere informazioni importanti su come e dove un alimento è stato prodotto e su come conservarlo al meglio per poterlo consumare in tutta sicurezza ed evitare di farlo andare a male, organizziamo bene i prodotti in frigorifero e nella dispensa per temperature e date di scadenza. Infine, una programmazione dei menù è un metodo semplice ed efficace per non sprecare cibo e acqua.

Sostieni la ricerca scientifica d'eccellenza e il progresso delle scienze. Dona ora.

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Dona ora per la ricerca contro i tumori

Sostieni la vita


Scegli la tua donazione

Importo che vuoi donare


Articoli correlati


In evidenza

Torna a inizio pagina