Sostieni Fondazione Veronesi, dona ora

Insieme per il nostro futuro. Sostieni la ricerca e la cura!

Dona ora
L'esperto risponde

Sono incinta: posso continuare a fumare?

pubblicato il 05-07-2017
aggiornato il 25-07-2017

La risposta è no, perché sono diversi i pericoli associati al fumo in gravidanza: si va dal rischio di parto prematuro a quello di aborto spontaneo. Tra i figli di donne fumatrici si registrano anche tassi più alti di morte in culla

Sono incinta: posso continuare a fumare?

Smettere di fumare in gravidanza è il più grande regalo che una mamma possa fare al proprio bambino. I pericoli associati al fumo in gravidanza sono infatti molto significativi, e comportano un aumento di rischio di parto prematuro, di aborto spontaneo e di gravidanza extrauterina. Inoltre, il fumo può danneggiare direttamente il bambino: quando si fuma vengono inalate oltre quattromila sostanze dannose che dai polmoni della mamma raggiungono il flusso sanguigno. Da qui, attraverso la placenta e il cordone ombelicale raggiungono il feto.


L'effetto principale riguarda la riduzione dell’apporto di ossigeno, essenziale per la corretta crescita del bambino. Un ridotto apporto di ossigeno può interferire con il corretto sviluppo dei polmoni, inoltre costringe il cuoricino del piccolo a pompare con una maggiore frequenza per sopperire alla carenza di questo elemento essenziale. I danni del fumo si protraggono anche dopo la nascita: la nicotina assunta dalla mamma passa al neonato attraverso il latte materno rendendolo irritabile. Il fumo aumenta inoltre il rischio di morte in culla di almeno il 25 per cento.


Le donne in gravidanza devono fare attenzione anche a esporsi al fumo passivo, che comporta rischi di complicanze perfettamente sovrapponibili a quelli di una fumatrice, se non addirittura, paradossalmente, più alti.
Un’analisi realizzata nel 2014 da ricercatori americani ha valutato i dati di oltre ottantamila donne che avevano partecipato a un grande studio negli Stati Uniti (noto come Women’s Health Initiative). I ricercatori hanno concluso che una non fumatrice esposta a fumo passivo prima e durante la gravidanza ha un rischio più alto del 17 per cento di andare incontro ad aborto spontaneo, del 55 per cento di dare alla luce un bambino morto e del 61 per cento di gravidanza ectopica. Rischi che appaiono addirittura più alti rispetto a quelli stimati da diverse ricerche, a cui va incontro una fumatrice. Per le donne che fumano le probabilità di incorrere in queste complicanze sono rispettivamente del 16, 44 e 43 per cento più alte rispetto alle non fumatrici (che non sono state esposte neanche a fumo passivo).


Per saperne di più sui danni provocati dal fumo, iscriviti al sito e scarica gratuitamente il manuale.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza