Chiudi
Oncologia

Lotta al cancro: grazie alla ricerca cure sempre più efficaci

pubblicato il 03-02-2020

Sempre più armi a disposizione per combattere il cancro. Diagnosi precoce, farmaci a bersaglio molecolare e immunoterapia stanno cambiando la cura dei tumori. Risultati possibili grazie alla ricerca scientifica. Il 4 febbraio si celebra il World Cancer Day

Lotta al cancro: grazie alla ricerca cure sempre più efficaci

Oggi possiamo affrontare il cancro con sempre più armi a disposizione. A differenza del passato, dopo le strategie di cura si fermavano alla sola chirurgia, radioterapia e chemioterapia, grazie alla ricerca scientifica ora possiamo disporre di farmaci a bersaglio molecolare, immunoterapici e terapie su misura Car-T. Armi che stanno consentendo, quando non è possibile curare definitivamente la malattia, aumentare il numero di persone che vivono a lungo dopo la diagnosi di cancro. Il 4 febbraio si celebra il World Cancer Day, l'occasione per ribadire l'importanza della ricerca scientifica nel raggiungimento di questi risultati.

Nella cura dei tumori l'Italia è tra le migliori d'Europa

Nella cura dei tumori l'Italia è tra le migliori d'Europa

20-01-2020
IN ITALIA SI VIVE DI PIU' E LE CURE SONO ALL'AVANGUARDIA

Tumore al seno, tumore del colon e tumore del polmone sono, nel nostro Paese, le neoplasie più frequenti. Quasi 3 milioni e mezzo i nostri connazionali che vivono dopo la diagnosi di cancro, cifra in costante crescita. Almeno un paziente su quattro, pari a quasi un milione di persone, è tornato ad avere la stessa aspettativa di vita della popolazione generale e può considerarsi guarito. Secondo l'ultimo rapporto State of the Health in the UE, se in Europa la media degli individui che vivono a 5 anni dalla diagnosi è del 57%, il nostro Paese registra una percentuale migliore, il 63%. Alla base dei risultati diagnosi sempre più precoci e migliori terapie disponibili.

Un secolo di cammino per la ricerca contro il cancro: i successi dal 1900 ad oggi

 

Allison: «Immunoterapia per curare tutti i malati di cancro»

Allison: «Immunoterapia per curare tutti i malati di cancro»

16-10-2019
L'IMMUNOTERAPIA HA CAMBIATO LA STORIA DI ALCUNE FORME TUMORALI

Tra i vari approcci che hanno consentito di raggiungere questi risultati, l'immunoterapia la fa da padrone. Se in passato la lotta alle metastasi era legata all’idea di eliminarle direttamente con molecole capaci di colpire le cellule cancerose, ora sotto la luce dei riflettori finisce il sistema immunitario. Spetta a lui combattere la malattia. Il concetto è sfruttare la capacità delle cellule che ci difendono di riconoscere il cancro. Per farlo i ricercatori ricorrono a due modi: rimuovere il freno che spegne la risposta o spingere l’acceleratore e stimolare i linfociti ad attaccare la malattia. Il tutto attraverso la somministrazione degli immunoterapici. Una rivoluzione che ha portato a curare con successo alcuni tumori che in passato non lasciavano scampo: melanoma, carcinoma polmonare e linfoma di Hodgkin in primis.

Car-T: l'arma in più per combattere i tumori del sangue

Car-T: l'arma in più per combattere i tumori del sangue

23-12-2019
CAR-T: ULTIMA FRONTIERA PER LA CURA DEI TUMORI DEL SANGUE

Ma la ricerca ha portato ad un ulteriore salto di qualità: modificare il Dna delle cellule di difesa per insegnare loro a combattere la malattia. Per farlo ci sono le Car-T, acronimo di «Chimeric antigen receptor T cell». La tecnica consiste nel prelievo dei linfociti T del malato per modificarli geneticamente in modo che sulla superficie esprimano un recettore chiamato Car. La presenza di Car ha come effetto un potenziamento dei linfociti che li rende in grado, una volta reinfusi nel malato, di riconoscere e attaccare le cellule tumorali presenti nel sangue e nel midollo, fino a eliminarle. Un metodo che si sta dimostrando utile per alcune forme di tumori del sangue resistenti a tutte le terapie oggi disponibili. 

Daniele Banfi
Daniele Banfi

Giornalista professionista è redattore del sito della Fondazione Umberto Veronesi dal 2011. Laureato in Biologia presso l'Università Bicocca di Milano - con specializzazione in Genetica conseguita presso l'Università Diderot di Parigi - ha un master in Comunicazione della Scienza. Collabora con diverse testate nazionali.


Articoli correlati


Commenti (0)


In evidenza

Torna a inizio pagina